Madonna di Guadalupe: si prega per la pace in tutto il Continente. Mons Cárdenas (Celam) al Sir, “la Vergine ci unisca in un momento difficile per l’America Latina”

“La Vergine di Guadalupe è una presenza materna, che unisce, preghiamo perché ci faccia camminare insieme”. Lo dice al Sir il segretario generale del Consiglio episcopale latinoamericano (Celam), mons. Juan Carlos Cárdenas Toro, vescovo ausiliare di Cali (Colombia), in occasione della festa della Vergine di Guadalupe che si celebra oggi, 12 dicembre. Proprio in occasione di questa giornata, il Celam invita le Conferenze episcopali, le organizzazioni ecclesiali, le comunità religiose, i movimenti apostolici e in generale il popolo di Dio a unirsi a una Giornata continentale di preghiera per la pace, in un momento molto delicato e difficile per molti Paesi dell’America Latina e dei Caraibi.
“Come pastori della Chiesa – spiega mons. Cárdenas – desideriamo offrire luce e dare speranza, mentre nel Continente e in vari Paesi si mescolano elementi di speranza e di preoccupazione. Speranza, perché i popoli e soprattutto i giovani si risvegliano, una nuova generazione chiede giustizia ed equità, chiede di dare risposte ad antichi problemi. Ma anche preoccupazione, perché non manca chi sta usando queste manifestazioni per manipolare e strumentalizzare queste voci. Chiediamo che in questa giornata ci sia una preghiera fraterna, che ci unisca e ci faccia ritrovare insieme, pregando per la pace”.
Una preghiera, spiega il segretario generale del Celam, che potrà essere vissuta in vari modi, “in parrocchia o nelle congregazioni religiose, in famiglia o tra amici, attraverso la recita del rosario oppure partecipando all’Eucaristia, oppure in modo più informale, durante la giornata. Si tratta di dare vita alla speranza. Giovanni Paolo II disse che l’America Latina è il continente della speranza”. Anche per questo il Celam invita a diffondere questi momenti di preghiera attraverso i social network, utilizzando l’hashtag #AméricaLatinaRezaPorLaPaz.
Mons. Cárdenas è soddisfatto per le risposte che l’invito del Celam ha suscitato: “Molti hanno aderito al nostro appello, in particolare i vescovi del Messico, della Colombia e altri”.
Il presule, infine, rivolge un pensiero ai popoli indigeni: “Il messaggio della Vergine guadalupana, circa 500 anni fa, coincideva con un momento difficile e delicato per questi popoli e per il loro inserimento nella Chiesa. La Vergine, anche oggi, tocca il cuore degli indigeni, fa sentire a loro e a tutti la sua presenza materna”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo

Informativa sulla Privacy