Cittadinanza: Cnca, adesione al flash mob del 18 dicembre a Roma. “900mila ragazzi attendono di essere riconosciuti italiani”

Il Coordinamento nazionale comunità di accoglienza (Cnca) aderisce al flash mob per la riforma della cittadinanza promosso, il 18 dicembre a piazza Montecitorio, da Tavolo Saltamuri, #ItalianiSenzaCittadinanza e campagna “Io Accolgo”. “900mila bambini e ragazzi cresciuti in Italia, molti dei quali nati nel nostro Paese, attendono che la legge riconosca ciò che già sono: cittadini italiani”, dichiara Liviana Marelli, referente del Cnca per infanzia, adolescenza e famiglie. “La riforma sulla cittadinanza è essenziale per la piena integrazione di questi ragazzi nel nostro tessuto sociale. Oggi, invece, subiscono gli effetti psicologici di questo mancato riconoscimento da parte di un Paese, che sentono come proprio, e tutti i problemi di carattere burocratico, alcuni dei quali odiosi, che questa situazione comporta. Siamo convinti che il rispetto della condizione di questi ragazzi debba essere una priorità della politica e chiediamo a Parlamento e Governo di approvare al più presto una riforma non più rinviabile”, conclude Marelli.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo

Informativa sulla Privacy