Commissione Ue: agenda della prima settimana von der Leyen. Saluti al team stampa di Juncker, tra lacrime e applausi

(Bruxelles) Cominciano domenica stessa, data dell’entrata in carica della Commissione europea guidata da Ursula von der Leyen, gli impegni della presidente, con una cerimonia alla Casa della storia europea nel decimo anniversario dell’entrata in vigore del trattato di Lisbona. Accanto a lei saranno il presidente dell’Europarlamento David Sassoli, il presidente del Consiglio europeo Charles Michel (anch’egli nuovo nell’incarico) e il presidente della Banca centrale europea, Christine Lagarde. Il 2 dicembre von der Leyen sarà a Madrid per un discorso all’apertura della conferenza sul clima a Madrid; mercoledì la prima riunione del nuovo collegio dei Commissari e sabato 7 dicembre in Etiopia incontrerà il presidente della Commissione dell’Unione africana e il primo ministro dell’Etiopia, Abiy Ahmed Ali, premio nobel per la pace 2019.
A illustrare ai giornalisti in sala stampa a Bruxelles oggi l’agenda della prima settimana di von der Leyen è stato Eric Mamer, che prende il posto di Mina Andreeva come portavoce della Commissione. Mamer ha ringraziato Andreeva per il sostegno in questo periodo di transizione, mentre Andreeva ha salutato i giornalisti con un discorso di commiato in rima: sono nata “sotto un regime che non apprezzava la libertà di parola”, e ora “sono qui: non ci potrebbe essere nulla di più grande”. Lacrime e gratitudine in questa giornata di addii al team Juncker, espressa da numerosi applausi, rara eccezione nella sala stampa dove per regola applaudire non si può. “Abbiamo apprezzato il suo impegno per la democrazia europea, il rispetto per la libertà di stampa. E ci mancherà sicuramente il suo tocco umano ed emotivo, l’umorismo spiritoso e l’ironia, qualità così rare negli uomini e nelle donne di potere”, ha detto tra l’altro Lorenzo Consoli, salutando Juncker a nome dell’Associazione della stampa internazionale (Api).

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa