Terremoto in Albania: Misericordie, 28 volontari partiti da Bari per portare supporto medico e logistico a feriti e sfollati

Sono 28 i volontari delle Misericordie d’Italia, su due fuoristrada e cinque mezzi di soccorso medico, partiti ieri sera dal porto di Bari verso l’Albania e che, assieme alle squadre della Protezione Civile e dei Vigili del Fuoco, porteranno supporto medico e logistico alle popolazioni colpite dal terremoto. “I volontari si adopereranno nei cinque campi assistenziali allestiti da Caritas Albania per assistere feriti e sfollati”, spiegano dalle Misericordie di Puglia, a cui è stato affidato il coordinamento della missione. “I nostri referenti albanesi stanno coordinando gli interventi – aggiungono –. La situazione è molto difficile perché ci sono molti dispersi. Saremo lì per aiutare a tentare di estrarre più gente possibile dalle macerie”. Un ulteriore problema è quello dell’assistenza alle centinaia di feriti “per i quali sono necessari i campi che possono alleggerire il lavoro degli ospedali che sono stati presi d’assalto e che, comunque, non erano pronti a un’emergenza del genere”. Ancora un altro problema è poi quello degli alloggi per gli sfollati: “Bisogna considerare che si stanno susseguendo altre scosse per cui, oltre alle persone che hanno le proprie abitazioni inagibili a causa del sisma, ci sono tantissime famiglie spaventate che non vogliono rientrare in casa per la notte. Per questo si stanno allestendo delle tendopoli per ospitare più persone possibili”. Il lavoro dei volontari durerà almeno dieci giorni. “Poi, se la situazione lo richiederà, siamo già pronti a un eventuale ricambio per continuare a fornire tutta l’assistenza che si renderà necessaria”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo