Papa Francesco: udienza, al termine l’incontro con gli artisti del musical su santa Bernadette che hanno cantato un brano

Il cast del musical “Bernadette di Lourdes” presente stamani all’udienza generale di Papa Francesco, in piazza San Pietro. Al termine, al momento del ‘baciamano’, gli artisti hanno intonato a cappella  “Madame”, una delle canzoni dello spettacolo, al cospetto del Pontefice. L’evento musicale, ideato e prodotto da Roberto Ciurleo ed Eléonore de Galard, alla prima stagione, in appena tre mesi, ha registrato 70.000 presenze. Produttori, compositori e artisti sono stati in Vaticano per presentare il progetto al Papa, in occasione dell’udienza generale. “Per me è stata un’esperienza straordinaria, perché quando abbiamo lavorato per questo musical non immaginavamo la possibilità di questo incontro. È stata una grazia. Abbiamo presentato al Santo Padre la nostra devozione per Bernadette”, dice al Sir Roberto Ciurleo. L’ideatore e produttore racconta come “un momento unico” l’incontro con il Papa. “Un momento unico per me e per tutte le persone che lavorano al nostro musical. “Quando il Papa ha ascoltato la nostra presentazione e il nostro canto si è emozionato tanto e in francese ci ha detto ‘Che bello, vi benedico tutti'”. Dopo il successo di pubblico e critica, l’intenzione è sbarcare anche in Italia. Usando le parole stesse della veggente e i documenti autentici dell’epoca, “Bernadette de Lourdes” ripercorre fedelmente la cronologia degli eventi, fa conoscere la famiglia Soubirous e l’incontro di Bernadette con la Vergine Maria. “Bernadette di Lourdes” sarà, inoltre, di nuovo a Lourdes per 7 mesi nel 2020, a partire da aprile, poi un fitto calendario lo condurrà in Canada, Brasile, Argentina, Libano e Belgio. Lo spettacolo, a Lourdes, è sottotitolato in diverse lingue durante la stagione dei pellegrinaggi. “La storia di Bernadette è una storia di un esempio straordinario. Ci dice che possiamo fare qualcosa di grande per gli altri. Un messaggio – conclude Ciurleo – rivolto a tutti, giovani e anziani, cattolici e no”.

 

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo