Papa Francesco: atterrato a Fiumicino al termine del viaggio in Thailandia e Giappone

È atterrato a Fiumicino, intorno alle 16.25, dopo oltre 12 ore di volo, il Boeing 787 della compagnia giapponese Ana, partito da Tokyo quando nella notte italiana erano le 3.43 circa, con a bordo Papa Francesco, il seguito e i giornalisti. Lo riferisce in un comunicato la Sala stampa vaticana. Si è concluso così il 32° viaggio apostolico che per la quarta volta – dopo Corea (2014), Sri Lanka e Filippine (2015) e Myanmar e Bangladesh (2017) – ha portato il Pontefice in Estremo Oriente, prima in Thailandia poi in Giappone. Partendo dal Giappone il pensiero di Francesco, nel primo dei telegrammi consueti di sorvolo, è andato all’imperatore giapponese Naruhito, cui il Papa ha rinnovato il “profondo apprezzamento” esteso a tutta la famiglia imperiale e al popolo giapponese, per “la calorosa accoglienza e la generosa ospitalità, assicurando a tutti le sue preghiere e invocando abbondanti benedizioni divine”. L’ultimo telegramma, invece, è indirizzato al presidente della Repubblica italiana, Sergio Mattarella, “a conclusione della visita pastorale in Thailandia e Giappone, che mi ha offerto l’occasione di incoraggiare l’impegno dei credenti nel costruire un Paese accogliente e pacifico”. Dal Papa al Capo dello Stato “fervidi auspici per il progresso spirituale, civile e sociale di codesta amata nazione”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo