Indigenza: Caritas Roma, “famiglie di 4 persone con 1.700 euro netti, ecco gli ‘equilibristi della povertà'”

“Famiglie di 4 persone con circa 1700 euro netti al mese, che, se si considera un affitto o un mutuo medio a Roma, arrivano a 1000 euro al mese. Una vera e propria condizione di povertà se si pensa che l’Istat stima per questa specifica tipologia di famiglie la soglia di povertà sotto i 1.541,25 euro al mese”. È la nuova tipologia di poveri si sta diffondendo nella città di Roma, segnalata dal rapporto di Caritas Roma “La povertà a Roma: un punto di vista – anno 2019″, presentato oggi nella Capitale e redatto alla luce dei dati raccolti attraverso la rete dei 157 centri d’ascolto parrocchiali, dei tre diocesani, e delle 52 opere-segno sparsi su tutto il territorio. Un testo in cui queste persone vengono definite gli “equilibristi della povertà”, “persone che hanno un reddito sufficiente a pagare un affitto o anche un mutuo, ma che riescono a malapena a pagarsi di che mangiare o le utenze”. “Questa situazione vulnerabile fa camminare queste persone costantemente sull’orlo del precipizio della povertà vera e propria, in cui cadono di fronte a imprevisti anche minimi – aggiunge il Rapporto -. In questa situazione l’imperativo inderogabile per la maggior parte delle persone è quello del fronteggiamento delle necessità quotidiane di base, in continuo bilico tra il rischio povertà e quello dell’indebitamento; gli’ equilibristi della povertà’ entrano ed escono da tale condizione in rapporto a eventi anche minimi”. Il Rapporto sostiene anche che “non è infrequente che questa tipologia di cittadini metta in conto la mensa Caritas come una voce del bilancio familiare”.  Le famiglie con figli minori e reddito inferiore ai 25.000 euro si stima siano 125.560 (incidenza media 9,2 %)con una particolare incidenza nel VI Municipio (15,5%). Da un punto di vista anagrafico, la fascia dei 30-44enni subisce un “generale schiacciamento reddituale verso il basso” sia rispetto ai 45-59 anni sia rispetto a quella sopra i 60 e +75. Circa il 40% della popolazione romana ha un reddito fino a 15.000 euro, un altro 40% tra 15000 e 35.000. Dati che attestano “l’assottigliamento della fascia media”. Le zone maggiormente a rischio sono quella del quadrante Nord del III anello (Cesano, La Storta, Prima Porta, Labaro e Bufalotta), seguite da quelli a Est (Torre Angela, Giardinetti-Tor Vergata).

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo