Papa in Giappone: incontro autorità, “mai più si ripeta la distruzione operata dalle bombe atomiche”

“Seguendo le orme dei miei predecessori, voglio anche implorare Dio e invitare tutte le persone di buona volontà a continuare a promuovere e favorire tutte le mediazioni dissuasive necessarie affinché mai più, nella storia dell’umanità, si ripeta la distruzione operata dalle bombe atomiche a Hiroshima e Nagasaki”. Nel discorso indirizzato alle autorità, alla società civile e al Corpo diplomatico del Giappone, il Papa ha rivolto un altro appello per la pace e il disarmo, come aveva già fatto a Hiroshima e Nagasaki. “La storia ci insegna che i conflitti tra popoli e nazioni, anche i più gravi, possono trovare soluzioni valide solo attraverso il dialogo, l’unica arma degna dell’essere umano e capace di garantire una pace duratura”, ha ribadito, sottolineando la “necessità di affrontare la questione nucleare a livello multilaterale, promuovendo un processo politico e istituzionale in grado di creare un consenso e un’azione internazionali più ampi”. “Una cultura di incontro e dialogo – caratterizzata da saggezza, visione e ampiezza di orizzonte – è essenziale per costruire un mondo più giusto e fraterno”, ha affermato Francesco, che all’inizio del suo discorso – preceduto dal saluto del Primo ministro giapponese, Shinzō Abe , incontrato prima in privato – ha ricordato che “le relazioni di amicizia tra la Santa Sede e il Giappone sono molto antiche, radicate nella stima e nell’ammirazione che i primi missionari ebbero per queste terre”. “Sono venuto per confermare i cattolici giapponesi nella fede, nel loro impegno di carità per i bisognosi e per il loro servizio al Paese di cui con orgoglio si sentono cittadini”, ha spiegato il Papa: “Come nazione, il Giappone è particolarmente sensibile alla sofferenza dei meno fortunati e delle persone con disabilità”. Citando il motto della visita, “Proteggere ogni vita”, Francesco ha definito “molto toccante” l’aver ascoltato “le storie delle persone colpite dal triplice disastro, mi hanno commosso le difficoltà che hanno attraversato”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori