Diocesi: card. Bassetti (Perugia), “non è sprecata una vita che si dona al Signore e alla sua Chiesa”

“Vi accolgo tutti come vasi preziosi di nardo, perché il vostro profumo si diffonda. Aiutateci con la vostra giovinezza, con la freschezza del vostro sì, a tenere sempre vivo nella nostra Chiesa il desiderio e l’entusiasmo di servire il Signore. E sappiate con il vostro esempio contagiare altri giovani, a seguire la chiamata”. Così il card. Gualtiero Bassetti, arcivescovo di Perugia-Città della Pieve, al termine dell’omelia pronunciata a Perugia, nella parrocchia di San Raffaele Arcangelo, durante la veglia diocesana di preghiera per le vocazioni, rivolgendosi ai sette seminaristi cui ha conferito i ministeri del lettorato e dell’accolitato: Claudio Faina (lettorato), Daniele Malacca, Emmanuel Olajide, Michael Tiritiello, Samy Cristiano Abu Eideh, Simone Strappaghetti e Vittorio Bigini (accolitato). Quest’ultimo è stato il “portavoce” nel raccontare, in sintesi, il loro essere stati accolti da Dio dopo vite movimentate, combattute interiormente, anche distanti dalla fede, e il loro “eccomi” nel voler servire il Signore partendo dagli “ultimi”. Il cardinale ha ringraziato le loro famiglie per la generosità dimostrata nell’aver donato alla Chiesa i loro figli. Poi, commentando il passo del Vangelo di Marco sullo “spreco” del profumo di nardo versato dalla Maddalena sul corpo di Gesù, ha spiegato che “non è sprecata una vita che si dona totalmente al Signore e alla sua Chiesa”. “Cari figli – ha aggiunto il card. Bassetti, rivolgendosi ai sette seminaristi –, per la mentalità di questo mondo anche voi state facendo della vostra vita ‘uno spreco’, che per alcuni è considerato anche inutile. Ma voi, con il vostro ‘eccomi’, sapete bene in quali mani mettete la vostra vita e a chi vi affidate, a Gesù. Cristo, ne sono certo, vi darà la possibilità di cantare sempre la canzone del cuore, dell’amore anche sotto un cielo grigio di nubi”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori