Libano: Chaiban (Libnanews), “leader libanesi smettano di usare la religione per dividere”

“Per evitare qualsiasi conflitto fatale alla nostra indipendenza, sarebbe bene che i sunniti e gli sciiti si smarcassero dalle due potenze regionali (Arabia Saudita e Iran) che vogliono confrontarsi sul nostro territorio. Per quanto riguarda i cristiani, essi dovrebbero agire come traits d’union tra queste due comunità sorelle per placarne l’ardore. Non dovrebbero parteggiare per nessuna di loro”. È quanto si legge in un articolo sul sito Libnanews.com, a firma di Samy Chaiban, dedicato all’indipendenza libanese di cui oggi ricorre il 76° anniversario. Un festa sotto il segno della crisi politica e sociale e segnata da imponenti manifestazioni popolari. Secondo l’autore, “né l’Occidente, né l’Oriente, né l’Arabia Saudita, né l’Iran lavorano per il bene dei libanesi o per l’indipendenza del loro paese, ma per i loro interessi. E per raggiungere i loro scopi, fomentano le divisioni all’interno delle varie comunità libanesi, basate sulle religioni interpretate a seconda delle convenienze”. “Le religioni non dividono – ribadisce l’autore –. Sono i leader che se ne servono per dividere le persone e conseguire i loro interessi personali”. “In nome dell’indipendenza del Libano, spero che tutte le componenti della società libanese rifiutino qualsiasi dipendenza dall’estero e che i leader libanesi smettano di usare la religione per dividere così da governare meglio piuttosto che usarla per unire le persone nell’amore di Dio”. “Un barlume di speranza è all’orizzonte – continua l’articolo – la rivoluzione del 17 ottobre (giorno in cui sono cominciate le proteste popolari) porta con sé una nuova indipendenza basata sull’unità del popolo intorno all’identità libanese, lontana da qualunque identità settaria. Il popolo vuole essere libanese per non essere più maronita, cattolico, sunnita, sciita, druso o altro. Il 22 novembre è la commemorazione dell’indipendenza dal mandato francese, il 17 ottobre 2019 potrebbe essere considerato il giorno dell’indipendenza dalla mentalità feudale che ha dominato a lungo le menti dei libanesi”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia