Argentina: Odsa-Uca, due famiglie su dieci non riescono andare dal medico o dal dentista per problemi economici

Due famiglie argentine su dieci non hanno usufruito delle cure di un medico o di un dentista nell’ultimo anno a causa di problemi economici: lo rivela il rapporto “Condizioni di salute nell’area metropolitana di Buenos Aires”, elaborato dall’Osservatorio del disagio sociale dell’Università Cattolica argentina (Odsa-Uca) e dalla Defensoría del Pueblo di Buenos Aires.
“Questo rapporto mostra la disuguaglianza sociale che esiste principalmente nell’area metropolitana e che diventa visibile nelle condizioni generali di salute delle persone e delle comunità, nonché nel sistema che le affronta. Inoltre, conferma l’esistenza di un sistema frammentato e disgiunto per affrontare i diversi stati di salute e malattia per ogni strato sociale “, ha affermato il difensore del popolo di Buenos Aires, Guido Lorenzino.
“Esiste un rapporto diretto tra povertà e mancanza di accesso alla salute. Vediamo con preoccupazione come nell’area metropolitana questa situazione impatti sempre più fortemente sulle persone più vulnerabili, una situazione critica che deve essere una priorità per i Governi”, ha aggiunto Lorenzino. L’indagine sottolinea che la situazione di privazione dell’assistenza sanitaria a causa di problemi economici è maggiore nella periferia nord (29,8%), seguita dalla zona meridionale (27,6%), mentre in quella del centro tocca il 10% dei nuclei familiari.
“I risultati suggeriscono che l’eterogeneità e la disuguaglianza sociale che prevalgono nel Paese sono riprodotte sia nelle condizioni generali di salute delle persone e delle comunità, sia nel sistema che le affronta. Inoltre, gli stati di salute e malattia sono presentati con modelli diversi in base alle condizioni socio-economiche e lavorative in un sistema completamente frammentato”, ha spiegato Solange Rodríguez Espínola, una delle curatrici della ricerca.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia