Ambulanza incendiata a Taranto: Rocca (Cri), “nessuna violenza fermerà i volontari”

Nella notte tra il 12 e il 13 novembre è stata incendiata a Taranto un’ambulanza in servizio 118 della Croce Rossa italiana nel parcheggio della sede dell’associazione. Lo ha reso noto la stessa Croce Rossa con un comunicato diffuso oggi. “Sono sgomenta e incredula”, il primo commento di Anna Fiore, presidente del Comitato Cri tarantino che conta circa 900 volontari. “Sul posto – si legge nella nota – si sono recati i Vigili del Fuoco e la Polizia e attualmente c’è un’indagine in corso perché dai primi accertamenti si tratterebbe di un incendio doloso”. “Non solo si spara sulla Croce Rossa – ha commentato sui social della Cri il presidente nazionale Francesco Rocca – ma si incendiano mezzi che salvano vite, anche quelle di chi chi ha compiuto il gesto infame: questo il paradosso. Nessuna violenza fermerà i volontari del Comitato di Taranto dal rappresentare un’Italia che aiuta”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori

Informativa sulla Privacy