Sir: principali notizie dall’Italia e dal mondo. Tregua raggiunta fra Israele e fazioni armate palestinesi. Cronaca, arrestata ex eurodeputata Lara Comi

Terra Santa: accordo fra Israele e le fazioni armate palestinesi, entra in vigore il cessate il fuoco. Tregua fragile

Un accordo fra Israele e le fazioni armate palestinesi per un cessate il fuoco immediato a Gaza è stato raggiunto nella notte, grazie alla mediazione dell’Egitto. La Jihad islamica palestinese conferma che l’accordo è entrato in vigore stamane: “L’occupazione (Israele) ha accettato le condizioni dettate dalla resistenza”, ha affermato un portavoce dell’organizzazione, scrive l’Ansa questa mattina. “Alla calma risponderemo con la calma. La Jihad islamica ha subito un duro colpo”: lo ha affermato il ministro degli Esteri israeliano Israel Katz, in un primo commento all’accordo sul cessate il fuoco a Gaza. In un’intervista alla radio militare, Katz ha precisato che anche in futuro “Israele non esiterà a colpire chiunque lo minacci”. Il ministro ha poi rilevato che “il non coinvolgimento di Hamas nei combattimenti è un successo di Israele”.

Cronaca: arrestata l’ex eurodeputata Lara Comi. Tra le accuse corruzione, finanziamento illecito e truffa

Il Nucleo di polizia economico finanziaria della Gdf di Milano, coi colleghi di Busto Arsizio, ha arrestato l’ex eurodeputata di Forza Italia Lara Comi, l’ad dei supermercati Tigros Paolo Orrigoni, entrambi ai domiciliari, e il dg di Afol Metropolitana Giuseppe Zingale (in carcere). In un filone dell’indagine “Mensa dei poveri” l’ordinanza è stata firmata dal gip Raffaella Mascarino e chiesta dai pm Silvia Bonardi, Luigi Furno e Adriano Scudieri per accuse, a vario titolo, di corruzione, finanziamento illecito e truffa. “Dall’esame degli elementi indiziari” emerge “la peculiare abilità che l’indagata Comi ha mostrato di aver acquisito nello sfruttare al meglio la sua rete di conoscenze al fine di trarre” dal ruolo pubblico “di cui era investita per espressione della volontà popolare il massimo vantaggio in termini economici e di ampliamento della propria sfera di visibilità”. Lo scrive il gip di Milano Raffaella Mascarino nell’ordinanza di arresto per l’ex europarlamentare e altri due.

Cronaca: truffa ai danni di una donna malata di cancro, sedicente finanziere Proto patteggia la pena

Ha patteggiato una pena di quattro anni di reclusione il sedicente finanziere Alessandro Proto, 44 anni, milanese, sedicente broker dell’alta finanza con residenza in Svizzera e casa a Como, arrestato nel giugno scorso per truffa e autoriciclaggio. Proto era accusato di avere truffato una donna milanese malata di cancro, alla quale aveva fatto credere di avere perduto una figlia di dieci anni per un tumore e di dover sostenere ingenti spese per rimpatriare la salma dalla Svizzera e per pagare il ricovero dell’altro figlio, finito in cura dopo la morte della sorella. Secondo le accuse, inoltre, l’indagato è arrivato anche a promettere un interessamento, alla donna e a suo marito, per una cura inesistente innovativa contro il tumore, mai arrivata in Italia. In assenza di un risarcimento, il gip ha disposto la confisca dei 130mila euro all’indagato, che ha precedenti specifici e che per ora rimane in carcere.

Maltempo: Consiglio dei ministri straordinario per Venezia. Premier Conte, “Mose pronto entro il 2021”

Vertice straordinario del Consiglio dei ministri oggi a Palazzo Chigi per Venezia, duramente colpita dal maltempo. “Per Venezia c’è un impegno a 360 gradi, c’è una situazione drammatica in una città unica, ci dobbiamo essere”, ha dichiarato questa mattina il premier Giuseppe Conte, uscendo dall’albergo dove ha dormito nel capoluogo veneto. Alla domanda se l’impegno per finire il Mose basterà, ha dichiarato: “speriamo, confidiamo di sì, è un’opera su cui ormai sono stati spesi tantissimi soldi ed è in dirittura finale, ora va completata e poi manutenuta”. E ai veneziani: “Siamo vicini a voi e speriamo di prevenire queste situazioni drammatiche, perché non si ripetano più”. Il vertice odierno “prenderà in carico la richiesta di stato d’emergenza”. E sul Mose prevede: sarà verosimilmente completato nella primavera del 2021.

Slovacchia: grave incidente stradale nel sud del Paese, muoiono 12 studenti, 15 feriti

In un incidente stradale avvenuto nel sud della Slovacchia sono morti ieri 12 studenti, di cui quattro minorenni. Altri 15 giovani sono rimasti feriti, tre in maniera grave. Secondo i media slovacchi, il conducente di un camion carico di pietre ha perso il controllo del veicolo, che si è scontrato con un autobus di studenti fra le città di Nitra e Zlate Moravce. Si tratta del più grave incidente stradale mai avvenuto in Slovacchia dal 1995, quando un autobus ceco sfondò una barriera di sicurezza nei pressi di Kolarovice (nordovest del Paese) precipitando per 25 metri e causando 17 morti.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo