Incendio pizzeria Impastato: la vicinanza e la solidarietà del Cnca e di Libera

“Tutto il Cnca è vicino a Giovanni Impastato”: lo dichiara Riccardo De Facci, presidente del Coordinamento nazionale comunità di accoglienza (Cnca), dopo che a Cinisi, nella notte tra lunedì e martedì,paler la pizzeria gestita dal fratello di Peppino Impastato, l’attivista antimafia assassinato nel 1978, ha subito un incendio doloso. “Conosciamo la passione e il coraggio con cui Giovanni conduce da molti anni la sua attività contro le mafie – continua De Facci -. Siamo certi che anche questa volta non si farà intimidire. Casa Memoria Peppino e Felicia Impastato, l’organizzazione fondata da Giovanni, è associata alla nostra Federazione. Il Cnca è anche la sua casa e vi troverà sempre appoggio e affetto. La nostra Federazione promuoverà una raccolta firme di sostegno al lavoro di Giovanni, della figlia e di Casa Memoria e una raccolta fondi per far fronte ai lavori di risistemazione della pizzeria”.
A Giovanni e alla sua famiglia anche “la vicinanza e la corresponsabilità” dell’intera rete di Libera. “Una vicinanza non solo a parole – si legge in una nota di Libera – ma nella concretezza dei fatti. Con Giovanni e la sua famiglia, nostri compagni di viaggio, siamo schierati dalla stessa parte quella della giustizia sociale e dell’impegno per rendere il paese libero dal giogo criminale”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo