Liliana Segre: Centro studi La Pira, di fronte a “preoccupante deriva culturale” e “rigurgiti di intolleranza e antisemitismo” promuovere libertà, solidarietà, dialogo

Il Centro studi “Giorgio La Pira” di Cassano all’Jonio esprime “la più sentita vicinanza e non formale solidarietà alla senatrice Liliana Segre, per le inaudite minacce espresse nei suoi confronti”. “L’aggressione becera verso la sua persona e la misura di protezione segnano nel Paese una grave e preoccupante deriva culturale, che pone pesantemente in evidenza il riemergere nel tessuto sociale di rigurgiti devastanti dell’intolleranza, dell’antisemitismo e del razzismo”, afferma il presidente Francesco Garofalo assicurando che l’impegno del Centro studi a difesa dei valori della libertà “continuerà con maggiore forza e vigore, perché mai vengano messi in discussione i principi cardini di solidarietà, di dialogo tra le culture e tra le religioni, per contribuire alla costruzione di un mondo più umano, più fraterno e più unito”. Infine “un grazie alla signora Segre, testimone di pace per il nostro tempo, segnato da fenomeni, che nel secolo scorso hanno prodotto orrore, genocidi e crimini. L’Italia democratica, che ha sperimentato le nefaste esperienze delle guerra e che ha in sé gli anticorpi giusti, saprà riaffermare senza se e senza ma, quando hanno espresso nella carta Costituzionale i padri costituenti”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo