Solidarietà: Fondazione Crt di Torino, sostenuti 136 progetti a favore di disabili con quasi un milione e mezzo di euro

Si chiama “Vivomeglio” ed è l’iniziativa che la Fondazione Crt di Torino ha messo in campo anche nel 2019 per migliorare la qualità della vita di donne, uomini, ragazzi in difficoltà e aumentare l’autonomia delle persone con disabilità. Traguardi da raggiungere grazie a percorsi d’inserimento lavorativo, attività ludico-ricreative, interventi d’integrazione scolastica, momenti di formazione e sensibilizzazione sul tema della disabilità. La Fondazione ha diffuso il bilancio di quest’anno dell’attività: 136 progetti di welfare sono stati sostenuti con un milione e 450mila euro. In questo modo, dal 2005 a oggi, la Fondazione ha erogato oltre 24 milioni di euro a enti e associazioni nell’ambito di “Vivomeglio”, per un totale di oltre 2.200 interventi in Piemonte e Valle d’Aosta.
“I progetti – si legge in una nota – riguardano l’avvio di tirocini e borse lavoro, ma anche attività di pet e music therapy, programmi di educazione alimentare, lezioni di ballo ed esperienze di volo, iniziative di formazione per i caregiver (famiglie, operatori, volontari e altre figure educative), percorsi di preparazione alla vita indipendente nella prospettiva del ‘dopo di noi’, una volta venuti a mancare i parenti che accudiscono le persone con disabilità”.
“Le tante progettualità sostenute – dice il presidente della Fondazione Crt, Giovanni Quaglia – contribuiscono a rafforzare anche l’intera comunità, rendendola meno fragile e più inclusiva, attraverso una visione della diversità come una ricchezza per tutti: questa è l’essenza del bene comune”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa

Informativa sulla Privacy