Ognissanti: Corsa dei Santi, 7mila persone in gara a Roma. Ai nastri di partenza tante famiglie

I runners alla partenza della Corsa dei Santi/ GRM Foto Rasero

Si è svolta oggi, a Roma, la dodicesima edizione de “La Corsa dei Santi”, appuntamento classico del calendario podistico nazionale, da quest’anno divenuto internazionale con il riconoscimento Iaaf Bronze Label. La manifestazione, che intende dare un rilievo di festa popolare alla celebrazione di Ognissanti, è promossa da Missioni Don Bosco ed è organizzata dalla Asd Corsa dei Santi. Dopo la partenza in via della Conciliazione, a ridosso di Piazza San Pietro, la gara ha avuto come scenario il centro storico della Capitale. Circa 7.000 i partecipanti suddivisi tra la prova competitiva e non competitiva di 10 chilometri e quella di 3 chilometri dove hanno partecipato soprattutto le famiglie. Alla partenza, in qualità di testimonial, c’erano la cantante Noemi e Fiona May che ha corso la prova di 3 chilometri. Oltre 3.000 runner hanno corso i 10 chilometri della prova competitiva. In campo maschile, tre atleti si sono giocati la vittoria chiudendo in 29 minuti. Sul gradino più alto del podio è salito il keniano James Mburugu (29:04), che in via della Conciliazione ha bruciato allo sprint il connazionale Paul Tiongik (29:06), mentre l’altro keniano James Kibet ha ceduto nel finale chiudendo terzo in 29:54. Primo degli italiani si è classificato Daniele D’Onofrio delle Fiamme Oro Padova che ha chiuso la prova in 30:01, mentre al quinto posto si è piazzato Giuseppe Gerratana dell’Aeronautica Militare (30:22). In campo femminile, vittoria per l’ucraina Sofiia Yaremchuk dell’Acsi Italia Atletica, capace di imporsi in 33:01, suo personal best sulla distanza. Per lei un successo importante, vista anche la concorrenza delle partecipanti, come la keniana Ivyne Lagat della Iloverun Athletic Terni, seconda in 33:16, e della ruandese vincitrice della passata edizione Clementine Mukandanga (Runner Team 99 Sbv), terza in 33:33. Prima delle italiane è risultata Sara Brogiato dell’Aeronautica Militare, piazzatasi al sesto posto in 34:21. Il claim dell’evento coniato da Missioni Don Bosco era “Attivi nello sport. Attivi nella solidarietà” e la raccolta fondi attraverso il numero solidale aiuterà i bambini di strada in Sierra Leone.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori

Informativa sulla Privacy