Sinodo per l’Amazzonia: eletti i membri della Commissione per l’elaborazione del documento finale e della Commissione per l’informazione

Nel pomeriggio di ieri, i lavori del Sinodo speciale per la Regione Panamazzonica sono proseguiti, alla presenza del Papa, con la 2° Congregazione generale e con le elezioni dei membri della Commissione per l’elaborazione del documento finale e della Commissione per l’informazione. 176 i Padri Sinodali in Aula. Sono stati eletti i quattro membri della Commissione per l’elaborazione del Documento finale del Sinodo, a maggioranza assoluta, mediante scrutini separati. Si tratta dei monsignori Mario Antonio Da Silva, vescovo di Roraima in Brasile; Héctor Miguel Cabrejos Vidarte, arcivescovo di Trujillo e presidente Conferenza episcopale del Perù; Nelson Jair Cardona Ramírez, vescovo di San José del Guaviare in Colombia, e Sergio Alfredo Gualberti Calandrina, Arcivescovo di Santa Cruz de la Sierra, in Bolivia. Altri tre membri saranno scelti dal Papa.
“Eletto inizialmente, il cardinale Carlos Aguiar Retes, arcivescovo di Città del Messico, ha espresso il desiderio di cedere il posto ad un padre sinodale proveniente da una delle sette Conferenze episcopali direttamente coinvolte nell’area amazzonica”, informa Vatican news. I presuli eletti si vanno ad aggiungere al resto della Commissione composta dal relatore generale e presidente, il cardinale Claudio Hummes; dal segretario generale del Sinodo dei vescovi, cardinale Lorenzo Baldisseri; dal pro-segretario generale, monsignor Mario Grech; dai due segretari speciali: il cardinale Michael Czerny e monsignor David Martinez de Aguirre Guinea. Altri tre membri di nomina pontificia saranno ufficializzati nei prossimi giorni. Il Sinodo è passato poi alla votazione di quattro membri della Commissione per l’Informazione, eletti mediante scrutini separati a maggioranza relativa. Sono stati eletti i monsignori Erwin Kräutler, prelato emerito di Xingu, in Brasile; Rafael Cob García, vicario apostolico di Puyo, in Ecuador; José Ángel Divassón Cilveti, già vicario apostolico di Puerto Ayacucho in Venezuela e, infine, l’italiano padre Antonio Spadaro, direttore de “La Civiltà Cattolica”. Questi nomi vanno ad aggiungersi alla squadra presieduta da Paolo Ruffini, prefetto del Dicastero per la Comunicazione e composta dal segretario, padre Giacomo Costa; dal direttore della Sala Stampa della Santa Sede Matteo Bruni; dal direttore editoriale del Dicastero per la Comunicazione Andrea Tornielli; da suor Maria Ines Lopes dos Santos, assessore della Commissione Episcopale per l’Amazzonia della Conferenza Episcopale del Brasile e da Mauricio López Oropeza, segretario esecutivo della Rete Ecclesiale Panamazzonica.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo

Informativa sulla Privacy