Diocesi: mons. Spreafico (Frosinone), “cristiani siano portatori di coscienza attenta a salvaguardia ambiente”

Si è svolto questa mattina nell’auditorium diocesano di Frosinone-Veroli-Ferentino un convegno dal titolo “Comunicare le emergenze ambientali”, promosso dalla diocesi in collaborazione con l’Ucsi Lazio, l’Ufficio comunicazioni sociali della Conferenza episcopale regionale e la sezione provinciale dell’Associazione italiana maestri cattolici. “Il problema del creato si affronta seriamente nel momento in cui si acquisisce una vera coscienza”, ha affermato nel suo intervento il vescovo di Frosinone-Veroli-Ferentino, mons. Ambrogio Spreafico, che parteciperà al Sinodo per l’Amazzonia. “Di fronte a questa consapevolezza, il cristiano è chiamato ad essere portatore di una coscienza attenta alla salvaguardia dell’ambiente”, ha proseguito il presule, che nella sua relazione si è soffermato anche sull’emergenza ambientale nella valle del fiume Sacco, nel territorio della diocesi, e sui progetti messi in campo dalla comunità ecclesiale per l’efficientamento energetico. In continuità con i temi affrontati durante l’assemblea diocesana del 21 e del 22 settembre, il convegno ha ospitato poi gli interventi di Maria Chiara Biagioni del Sir, Andrea Crescenzi del Cnr, Maurizio Di Schino dell’Ucsi nazionale e Saverio Simonelli presidente di Ucsi Lazio, Toni Mira di Avvenire, il giornalista locale Alessio Porcu e l’insegnante e blogger Pietro Alviti.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori