Dipendenze patologiche: attori del sistema dei servizi insieme per una proposta di riforma della legge

Una proposta condivisa di revisione della normativa sulle dipendenze patologiche (legge 309/90): per arrivare a questo hanno lavorato insieme attori del sistema dei servizi pubblici e del privato sociale. “L’obiettivo è di avviare il dibattito tra tutti gli attori e in primis con le istituzioni deputate, su una riforma che ormai non può più attendere”, si legge in una nota diffusa dalla Fict.
Oggi hanno presentato il percorso al capo del Dipartimento Politiche Antidroga, Maria Contento, per condividere quanto fatto finora. Hanno preso parte all’incontro di questa mattina Biagio Sciortino (presidente Intercear); Luciano Squillaci (presidente Fict); Franz Vismara (San Patrignano); Guido Faillace (presidente Federserd); Claudio Leonardi (presidente Sipad); Onofrio Casciani (Sidt Lazio per conto di Luigi Stella, presidente Sidt nazionale); don Salvatore Lobue (Casa dei Giovani).
Nei prossimi giorni si terrà una conferenza di presentazione della prima proposta di revisione normativa, con l’auspicio che “il dibattito sulle dipendenze patologiche diventi prioritario nelle politiche governative e tra i parlamentari, per avviare un processo di innovazione del sistema dei servizi capace di rimettere al centro degli interventi la persona, con la molteplicità dei suoi bisogni”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori

Informativa sulla Privacy