Diocesi: Milano, domani duemila adolescenti alla Notte dei Santi, itinerario sulla missione nelle piazze e nelle chiese del centro

Domani duemila adolescenti dell’arcidiocesi di Milano parteciperanno alla Notte dei Santi. L’iniziativa, organizzata dal Servizio oratorio e sport della diocesi, in collaborazione con l’Ufficio diocesano per la pastorale missionaria e con diversi enti missionari, proporrà ai ragazzi alcune esperienze sul tema dell’incontro con persone e culture di origine diversa, attraverso un itinerario a tappe per la città, che concluderà il mese missionario straordinario.
Il pellegrinaggio “missionario” di questi adolescenti inizierà alle ore 18, nei pressi della basilica di Sant’Ambrogio. I ragazzi arriveranno a gruppi e a ciascun gruppo sarà affidato uno dei 30 testimoni, tra sacerdoti fidei donum, religiose e religiose, che già hanno fatto esperienza di missione in altre chiese sparse nel mondo. Queste guide accompagneranno poi i gruppi lungo un itinerario che prevede nove tappe, in ognuna delle quali incontreranno un’associazione o un istituto missionario. In particolare GioCantando proporrà un’animazione musicale nella basilica di S. Lorenzo, il Coe un corto d’autore presso l’oratorio di S. Ambrogio, i Comboniani un’escape room all’oratorio di S. Vittore, i Cappuccini una kermesse in piazza Affari, il Pime una drammatizzazione in piazza Cadorna, i Saveriani delle testimonianze nella basilica di s. Eustorgio, Caritas Ambrosiana una Living library con rifugiati, senza tetto e famiglie missionarie nella chiesa di S. Vincenzo in Prato, il Celim un laboratorio nella basilica di S. Vittore, il Vispe un workshop in S. Giorgio al Palazzo.
A partire dalle ore 20 i diversi gruppi di adolescenti entreranno a turno nella basilica di S. Ambrogio, accolti nel quadriportico dall’arcivescovo Mario Delpini e dai suoi vicari che li accompagneranno all’interno della basilica dialogando con loro.
“Al verbo ‘avere’ e alle sue declinazioni, così come sono richiamate nell’itinerario degli adolescenti, verranno associati i verbi ‘partire’ e ‘uscire’. Il percorso legato all’’avere’ intende aiutare questi adolescenti a comprendere che quanto abbiamo (casa, cose, domande, tempo, sogni…) va ‘restituito’ nel segno del dono, del servizio, della testimonianza. E che questa è appunto la ‘missione’!”, spiega don Stefano Guidi, direttore della Fondazione diocesana per gli Oratori Milanesi (Fom).

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori

Informativa sulla Privacy