Parlamento Ue: il cantante Mahmood a Strasburgo. “I giovani devono guardare avanti con fiducia”

(Strasburgo) “Sono qui per portare un piccolo contributo. Non sono simbolo di nessuno, ma spero nel mio piccolo di rappresentare i giovani come me, che vogliono metterci la faccia, che vogliono interessarsi ai temi politici o a problemi come quello del clima, che mi sta molto a cuore”. Mahmood, vincitore di Sanremo 2019 con la sua “Soldi”, si è fatto conoscere in Europa con il secondo posto all’Eurovision Song Contest. Domani, 23 ottobre, inizierà un tour europeo che lo porterà prima a Lugano poi a Zurigo, Londra, Parigi, Lussemburgo, Bruxelles, Berlino e Barcellona. Oggi è a Strasburgo, dove sta incontrando diversi eurodeputati e il presidente dell’Assemblea, David Sassoli. “Sei un ambasciatore dei giovani?”, chiede un giornalista. “Non mi sento un ambasciatore. Ai giovani della mia età vorrei solo portare un esempio, il mio modo di essere un artista. Nelle canzoni che scrivo metto tutto me stesso, il mio stile. Sento che con la musica si respira un’aria di apertura, l’ho sperimentato anche fuori dall’Italia”. Il mondo dell’arte supera le frontiere? “La mia prima hit in Italia lo è stata anche a livello europeo. Credo che come giovani non dobbiamo porci dei limiti. I giovani devono guardare avanti con fiducia”. Conclude: “Dall’Europa vorrei prendere tutto ciò che può offrire, la musica di altri Paesi e altri artisti internazionali… Quando vado all’estero spero di tornare a casa con un bagaglio gonfio”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo

Informativa sulla Privacy