Missioni cattoliche: don De Stasio (Svizzera), “nostri connazionali moltiplicatori di fede”

“I nostri connazionali sono veri moltiplicatori di fede e della nostra cultura cattolica. Un eccezionale capitale umano, che rappresenta una realtà unica di capacità delle nostre comunità, di promozione del nostro Paese e testimonianza della fede delle nostre parrocchie e delle nostre belle tradizioni popolari”. Lo ha detto il coordinatore nazionale delle Missioni cattoliche di lingua italiana in Svizzera, don Carlo De Stasio, nel corso di una celebrazione eucaristica nella chiesa parrocchiale di Schaan – concelebrata da diversi missionari impegnati nella pastorale con gli italiani residenti in terra elvetica– che ha aperto l’incontro sul tema “Non si tratta solo di migranti”. Una celebrazione seguita dallo spettacolo “Senza frontiere” presentato da Scalamusic, un’associazione che fa riferimento ai Missionari Scalabriniani, nella sala comunale, alla presenza di oltre un migliaio di persone provenienti soprattutto dalla Svizzera tedesca. Uno spettacolo che ha presentato alcune storie di emigrazione molto diverse tra loro ma tutte accumulate dall’esperienza di “frontiera”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo

Informativa sulla Privacy