Infanzia: Fore (Unicef), “senza ulteriori fondi a rischio programmi salvavita per 41 milioni di bambini in 59 Paesi colpiti da conflitti e disastri”

“Milioni di bambini che vivono in aree colpite da conflitti e disastri sono a rischio a causa di una consistente mancanza di fondi per i programmi di assistenza umanitaria salvavita”. Lo dichiara l’Unicef che a oggi, per quest’anno, dice di aver ricevuto solo il 54% dei 4,16 miliardi di dollari necessari per i bisogni di base legati a salute, istruzione, nutrizione e protezione di 41 milioni di bambini in 59 Paesi. Nell’ultimo trimestre dell’anno, manca ancora il 46% dei fondi. Le emergenze maggiormente “sotto finanziate” comprendono Pakistan (83%), Camerun (80%), Burkina Faso (76%) e Venezuela (73%). Rimangono “ampiamente sotto finanziate” anche le emergenze su più ampia scala in Siria e nei Paesi vicini, in Yemen, Repubblica Democratica del Congo e Bangladesh. “Milioni di bambini vulnerabili nel mondo soffrono le terribili conseguenze di crisi umanitarie sempre più complesse”, dichiara Henrietta Fore, direttore generale dell’Unicef. Che aggiunge: “Senza ulteriori risorse, questi bambini non andranno a scuola, non saranno vaccinati, non riceveranno una nutrizione adeguata o non saranno protetti da violenza e abusi. Mentre continuiamo a chiedere di porre fine ai conflitti e una migliore preparazione alle emergenze, abbiamo bisogno di ulteriore supporto da parte dei donatori per aiutarci a rispondere i bisogni più basilari dei bambini”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo

Informativa sulla Privacy