Turchia: Lumpp (Unhcr), “3 milioni e mezzo di siriani, la situazione è più difficile che altrove. Dove andranno gli sfollati di Idlib?”

(dall’inviata Sir a Istanbul) “La Turchia è il Paese che ha accolto più rifugiati nel mondo ed è l’unico che ha risposto con una politica di porte aperte nei confronti dei siriani. Ma ora che il conflitto in Siria è concentrato a Idlib, con bombardamenti e migliaia di sfollati che si aggiungono a quelli interni, dove andranno queste persone? La Turchia non accetterà un altro elevato ingresso di siriani, oltre ai 3 milioni e mezzo già nel territorio”. Lo ha detto oggi ad Istanbul Katharina Lumpp, dell’Unhcr Turchia (Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati), nel suo intervento durante la prima giornata di lavori del Migramed 2019 promosso da Caritas italiana, che riunisce (fino al 4 ottobre) un centinaio di delegati delle Caritas diocesane e delle Caritas del Mediterraneo.  Lumpp, che vive da trent’anni in Turchia, ha ricordato che “1,4 milioni di rifugiati sono minori sotto i 14 anni, ci sono decine di migliaia di bambini siriani nati qui e centinaia di migliaia di giovani senza lavoro e istruzione. Il 64% dei siriani in Turchia si ritrovano sotto la soglia della povertà”. Nonostante il peso di questa situazione la Turchia “ha sviluppato un quadro legale per l’accoglienza, ha parzialmente aperto il mercato del lavoro ai richiedenti protezione internazionale e sta cercando di dare alternative ai campi, proponendo a siriani e iracheni di spostarsi in altre province”. “Non vediamo un livello di tensione sociale tra rifugiati e popolazione locale così marcata come in altri Paesi – ha detto – ma ci sono frizioni e dobbiamo affrontarle, lavorando con gli uffici governativi”. Come Unhcr, ha precisato Lumpp, “cerchiamo di aiutare anche i turchi in situazione di vulnerabilità e coinvolgere i comuni per creare spazi di interazione”. “Dobbiamo supportare la Turchia – ha concluso – perché qui la situazione è più difficile che in altri Paesi”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo

Informativa sulla Privacy