Giornata dell’Amicizia islamo-cristiana: mons. Russo (Cei) al carcere di San Vittore per costruire insieme fratellanza

Venerdì 25 ottobre dalle ore 16 alle ore 18 a Milano, presso il teatro del carcere San Vittore, mons. Stefano Russo, segretario generale della Cei, ha chiesto e ottenuto il permesso del direttore del penitenziario, Giacinto Siciliano, di potersi incontrare con i massimi rappresentanti delle realtà islamiche italiane, insieme con i detenuti e le detenute, per assistere con loro allo spettacolo teatrale “Leila della tempesta”, nella Giornata dedicata all’Amicizia islamo-cristiana.
Insieme a mons. Russo, saranno presenti Abdellah Redouane, Abdellah Massimo Cozzolino, Yassine Lafram, Yahya Pallavicini, Salah Ramadan Elsayed.
“Leila della tempesta” è uno spettacolo scritto e interpretato da Alessandro Berti con Sara Cianfriglia, tratto dall’omonimo libro di Ignazio De Francesco. Si tratta di un dialogo sulla cittadinanza, l’emigrazione, la religione, il rapporto uomo-donna, la violenza in nome di Dio e la mistica del cuore, che mette al centro una giovane tunisina di nome Leila, personaggio reale, giunta in Italia attraverso il mare e finita in carcere per commercio di stupefacenti. Intorno a lei si muove un coro di persone della stessa provenienza geografica, culturale e religiosa, che si confrontano su questi temi con un monaco cristiano che parla nella loro lingua e li stimola a riflettere sulle loro tradizioni e sul necessario incontro tra queste e la Costituzione della Repubblica italiana.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Europa

Informativa sulla Privacy