Papa Francesco: messaggio alla Fao, “è crudele che ci sia cibo per tutti” e “si butta via”

(Foto Vatican Media/SIR)

“Non dimenticare che c’è chi si nutre ancora in modo poco salutare”. È l’invito contenuto nella parte finale del messaggio inviato dal Papa alla Fao, in occasione della Giornata mondiale dell’alimentazione. “È crudele, ingiusto e paradossale che, al giorno d’oggi, ci sia cibo per tutti e, tuttavia, non tutti possano accedervi”, scrive Francesco: “O che vi siano regioni del mondo in cui il cibo viene sprecato, si butta via, si consuma in eccesso o viene destinato ad altri scopi che non sono alimentari”. “Per uscire da questa spirale”, propone il Papa sulla scorta della Laudato si’, “occorre promuovere istituzioni economiche e programmi sociali che permettano ai più poveri di accedere in modo regolare alle risorse di base”. Per “assimilare” uno stile di vita corretto, sostiene Francesco, “la famiglia ha un posto principale, e per questo la Fao ha dedicato particolare attenzione alla tutela della famiglia rurale e alla promozione dell’agricoltura familiare. Nell’ambito familiare, e grazie alla sensibilità femminile e materna, si impara a godere dei frutti della terra senza abusarne e si scoprono gli strumenti migliori per diffondere stili di vita rispettosi del bene personale e collettivo”. Su scala globale, inoltre, “l’attuale interdipendenza tra le nazioni può aiutare a mettere da parte gli interessi particolari e favorire la fiducia e la relazione di amicizia tra i popoli”, assicura il Papa.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia

Informativa sulla Privacy