Irlanda: Mese missionario straordinario. Mons. Martin (presidente vescovi) lancia il progetto “Laudato tree”

Messa d’inizio dell’Assemblea d’autunno della Conferenza episcopale irlandese e lancio del mese missionario straordinario stasera a Maynooth. A presiedere, mons. Eamon Martin, presidente dei vescovi irlandesi, che ha parlato della necessità di “mission mode”, una “modalità missione” per la Chiesa anche in Irlanda; significa “aprirsi a un nuovo modo di essere, di pensare, di pregare, di comunicare il nostro insegnamento”. “Tutte le vocazioni cristiane sono missionarie per loro natura”, cosa che le rende “stimolanti, eccitanti e immensamente appaganti”. Dopo aver riflettuto sulle indicazioni di Papa Francesco per questo mese missionario straordinario, l’arcivescovo ha parlato del progetto ecologico e missionario “Laudato tree”, che invita a raccogliere fondi e piantare alberi per accrescere la biodiversità sia in Irlanda sia in Africa, come strumento di sensibilizzazione e educazione “da una prospettiva di fede, sull’impatto del cambiamento climatico sulle popolazioni più povere del mondo”. Il progetto, ha continuato mons. Martin, si apre alla dimensione ecumenica, ma punta a coinvolgere anche i giovani, “ci invita personalmente alla semplicità responsabile della vita e alla conversione ecologica”, in solidarietà verso le persone più vulnerabili del mondo, e “simboleggia nuova vita, nuova crescita, speranza per il futuro e amore per Dio”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo