This content is available in English

Ue: Bucarest, inaugurata la presidenza semestrale. Tusk, “difendere insieme nostri valori e nostra libertà”

Bucarest: il discorso del presidente Tusk e alcune immagini della cerimonia di ieri sera

(Bruxelles) “Il futuro dell’Europa è ora ampiamente nelle mani della Romania”. Lo ha dichiarato ieri sera a Bucarest il presidente del Consiglio europeo, il polacco Donald Tusk, alla cerimonia di apertura del semestre di presidenza del Consiglio dei ministri Ue che fino al 30 giugno spetterà al governo romeno. All’ateneum della capitale erano presenti tutte le personalità politiche del Paese oltre ai rappresentanti delle istituzioni Ue. Fuori, per le strade cittadine, non sono mancate proteste contro il governo, che si susseguono da mesi, con l’accusa di corruzione e di voler riformare la giustizia per controllare l’attività dei giudici. E proprio in questi giorni fa discutere un ricorso del presidente del Partito socialdemocratico (al governo), e presidente della Camera dei deputati romena, Liviu Dragnea, contro la Commissione Ue presso la Corte di Giustizia europea in relazione a un caso di frode con fondi comunitari sollevato dall’Olaf, organismo comunitario.

Tusk nel suo discorso ha citato poeti, intellettuali e atleti romeni (fra cui Eugen Ionescu, Mircea Eliade, Emil Cioran, Tristan Tzara, Nadia Comaneci, Simona Halep, Helmuth Duckadam), parlando del suo affetto e del debito culturale verso il Paese. Ha parlato di una presidenza “energica” per affrontare i numerosi dossier aperti in questo periodo, da Brexit al bilancio pluriennale, fino alle elezioni europee del 23-26 maggio. “A coloro che lavorano duramente – ha affermato – per difendere i valori europei, le nostre libertà e i nostri diritti, dico: continuate a combattere”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo