Notizie Sir del giorno: Consiglio permanente Cei, inammissibile ricorso Pd su manovra, migranti e #portichiusi, elezioni in Congo, Athletica Vaticana, Terzo Settore, terremoto in Sicilia

Cei: dal 14 al 16 gennaio il Consiglio episcopale permanente

Da lunedì 14 a mercoledì 16 gennaio si svolge a Roma, presso la sede della Cei (Circonvallazione Aurelia, 50), la sessione invernale del Consiglio Permanente. Ne dà notizia l’Ufficio nazionale per le comunicazioni sociali della Cei, informando che “dopo l’Introduzione del card. Gualtiero Bassetti i lavori prevedono una riflessione sugli Orientamenti pastorali del decennio che volge al termine. In questi anni, a far da filo conduttore è stata la prospettiva educativa: si tratta ora di avviare un bilancio e di individuare con quale struttura e quali contenuti prospettare l’itinerario futuro, finalizzato a costruire condivisione di sguardo e d’impegno tra le Chiesa in Italia”. Il Consiglio della prossima settimana, fa sapere ancora l’Ufficio, “affronterà l’approvazione di un regolamento per il Servizio nazionale per la tutela dei minori e delle persone vulnerabili, costituito presso la Cei”. (clicca qui)

Manovra: Corte costituzionale, “inammissibile conflitto tra poteri sollevato da Pd ma singoli parlamentari potranno ricorrere”

Inammissibile il conflitto tra poteri sollevato dal Pd. Lo stabilisce la Corte costituzionale pronunciandosi sull’ammissibilità del conflitto di attribuzioni tra poteri dello Stato, sollevato da 37 senatori Pd e avente ad oggetto le modalità con cui il Senato della Repubblica ha approvato il Disegno di legge di bilancio 2019. Il ricorso denunciava la grave compressione dei tempi di discussione del Ddl, che avrebbe svuotato di significato l’esame della Commissione Bilancio e impedito ai singoli senatori di partecipare consapevolmente alla discussione e alla votazione. La Corte, si legge in un comunicato, “ha anzitutto ritenuto che i singoli parlamentari sono legittimati a sollevare conflitto di attribuzioni davanti alla Corte costituzionale in caso di violazioni gravi e manifeste delle prerogative che la Costituzione attribuisce loro”. (clicca qui)

Migranti: Asgi, “non esiste nessun provvedimento formale di chiusura dei porti. Governo si muove al di fuori legalità”

“Il ministero dell’Interno e il ministero delle Infrastrutture e Trasporti non hanno adottato alcun provvedimento formale di chiusura dei porti”: la verifica è stata fatta dall’Asgi (Associazione studi giuridici immigrazione) tramite sei azioni di accesso civico inoltrate al ministero dell’Interno ed al ministero delle Infrastrutture e Trasporti in merito alla dichiarata chiusura dei porti italiani nelle vicende riguardanti la nave militare “Diciotti” e le navi della Ong Proactiva open arms. Deve perciò “ritenersi chiarito anche formalmente, come già emerso in via informale, che alcun atto amministrativo sia stato emanato in tale senso”. “Ciò determina che le navi che soccorrono i migranti nel mar Mediterraneo avrebbero potuto accedere ai punti di sbarco in Italia senza violare alcun atto governativo – sottolinea l’Asgi – e che ad oggi non vi è alcun ostacolo giuridico opponibile alle navi delle organizzazioni umanitarie in relazione all’attracco sulle nostre coste”. (clicca qui)

R.D.Congo: i vescovi smentiscono l’esito del voto, “non coincidono con il nostro monitoraggio”

“Prendiamo atto della pubblicazione dei risultati provvisori dell’elezione presidenziale che, per la prima volta nella storia recente del nostro Paese, apre la strada all’alternanza alla guida dello Stato. Tuttavia, dall’analisi degli elementi osservati da questa missione, constatiamo che i risultati dell’elezione presidenziale così come sono stati resi noti dalla Commissione elettorale nazionale non coincidono con i dati raccolti dalla nostra missione d’osservazione, a partire dai seggi elettorali e di spoglio”: a smentire oggi, ufficialmente, gli esiti del voto è la Conferenza episcopale della Repubblica democratica del Congo (Cenco), incaricata di vigilare con 40.000 osservatori ed esperti sul corretto svolgimento delle elezioni presidenziali e politiche che si sono tenute il 30 dicembre 2018 e lo spoglio delle schede, che hanno assegnato la vittoria al leader dell’opposizione Félix Tshisekedi (il presidente uscente era Joseph Kabila, al potere dal 2001). (clicca qui)

Athletica Vaticana: card. Ravasi, “sport è radicato nell’essere umano, ne riflette grandezza e miseria”. Atleti “modelli per i giovani”. No a “degenerazioni”

“Lo sport autentico fa parte di una delle componenti radicali dell’essere umano, ossia il gioco, qualcosa che si fa per libertà, gratuità, non condizionati da vincoli immediati. E’ qualcosa che dà valore alla bellezza”. Ecco perché “nella storia la cultura ha sempre avuto uno stretto collegamento con lo sport”. Lo sostiene il card. Gianfranco Ravasi, presidente del Pontificio Consiglio della cultura, intervenuto oggi alla presentazione, nella sala stampa della Santa Sede, di Athletica Vaticana, la prima associazione sportiva costituita in Vaticano, e dell’intesa bilaterale con il Comitato olimpico nazionale italiano (Coni). E quella odierna è stata anche la prima conferenza stampa del 2019, moderata dal neodirettore della sala stampa Alessandro Gisotti. “Ma lo sport ha anche un legame con la religione; anch’essa ha alla base il gratuito”, osserva ancora il porporato richiamando Paolo come “ideale patrono degli sportivi” per il frequente impiego di metafore e linguaggio sportivi nei sui scritti. Sul binomio sport ed etica il cardinale invita a riflettere sul termine “atletica”. Significativo, spiega, che alla radice del termine ci sia il concetto della gara per raggiungere una meta. Atletica dunque anche “come compito da espletare”. (clicca qui)

Terzo settore: Fiaschi (portavoce Forum), “bene incontro con Governo, aspettiamo correttivo Ires entro pochi giorni e tempi rapidi per attuazione Riforma”

“Positivo e costruttivo”. Così Claudia Fiaschi, portavoce del Forum del Terzo Settore, definisce il vertice a Palazzo Chigi fra la delegazione del Forum e altri rappresentanti del Terzo settore con il Governo. “Il presidente del Consiglio Conte e il sottosegretario Durigon a nome del Governo – spiega Fiaschi – hanno dato al Terzo settore un segnale importante nel metodo e nel merito. Nel metodo perché è stato aperto un canale di comunicazione e confronto da noi apprezzato, che non sarà una tantum e diventerà strutturale. Nel merito abbiamo apprezzato il riconoscimento da parte del Governo del valore del Terzo settore per il Paese, l’opportunità di aprire una ampia discussione sulle priorità dell’agenda sociale e la disponibilità all’apertura di un tavolo di collaborazione strutturale”. “Abbiamo poi preso atto – continua la portavoce – degli impegni assunti dal presidente del Consiglio e dal sottosegretario per una rapido completamento dei provvedimenti attuativi della riforma del Terzo settore, in primis la definizione di attività secondarie e strumentali, le linee guida per la raccolta fondi e per il bilancio sociale e le circolari sugli obblighi di pubblicità relativa ai contributi pubblici”. (clicca qui)

Terremoto in Sicilia: vescovi indicono giornata di preghiera e di solidarietà per “aiutare la riparazione dei danni subiti”

“Le Chiese di Sicilia esprimono vicinanza e solidarietà alle due Chiese sorelle di Catania ed Acireale per le conseguenze sofferte a causa del recente terremoto, con il suo costante sciame sismico”. I vescovi delle Chiese di Sicilia indicono così una giornata di preghiera e di solidarietà per “aiutare la riparazione dei danni subiti” dalle popolazioni dopo il terremoto che lo scorso 26 dicembre ha colpito alcuni paesi alle pendici dell’Etna. La data scelta dai vescovi è il 3 febbraio 2019. “Ringraziando l’Altissimo per l’incolumità delle persone – dicono i pastori delle 18 diocesi dell’Isola -, ci si addolora per il notevole disagio che i vari nuclei familiari patiscono nel vedere gravemente lesionate e inagibili le loro dimore. Dispiace, inoltre, che gli edifici di culto, le canoniche e gli oratori siano gravemente danneggiati, aggravando lo sconforto della gente, ulteriormente disorientata per non poter usufruire di questi luoghi di aggregazione”. (clicca qui)

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo