G20 Interfaith: dichiarazione finale a Buenos Aires, “violenza tradisce l’essenza delle religioni”

“Crediamo che le confessioni religiose in quanto tali, e gli uomini e le donne di fede, individualmente o associati con altri, diano un apporto straordinariamente importante per una migliore qualità di vita per le persone e le popolazioni. Le religioni sono chiamate a costruire la pace tra i popoli e in ciascuna delle società umane. Quando si invocano motivi religiosi per propiziare la violenza o lo scontro si tradisce l’autentica essenza delle religioni”. È uno dei passaggi più forti della Dichiarazione finale del “G20 Interfaith”, il forum ecumenico e interreligioso, intitolato “Costruendo consenso per uno sviluppo equo e sostenibile”, che si è tenuto a Buenos Aires da mercoledì a ieri. Nel documento si menziona l’accoglienza della città di Buenos Aires, nella quale “abbiamo potuto conoscere e sperimentare il clima di straordinaria convivenza e amicizia tra le confessioni religiose”, le quali “non solo dialogano, ma lavorano insieme, soprattutto nell’attenzione ai più deboli”. Si legge ancora nella Dichiarazione: “Come leader delle nostre rispettive confessioni religiose e persone credenti, con diverse prospettive, assumiamo l’impegno di animare e affrettare il dialogo interreligioso e il lavoro congiunto tra le diverse religioni e confessioni”, particolarmente urgente “in un mondo globalizzato, nel quale le sfide si moltiplicano e arrivano a una dimensione planetaria”.

Non manca un appello alla libertà religiosa: “Per poter dare un apporto costruttivo alla vita sociale e allo sviluppo equo e sostenibile del mondo intero, le religioni hanno bisogno di libertà. Deploriamo che in molti luoghi del mondo la libertà religiosa sia oggi ristretta o direttamente negata”. Da qui l’esortazione ai leader mondiali “a impegnarsi nella difesa della libertà religiosa, per consentire alle persone di vivere la propria spiritualità a partire dalle loro credenze”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia

Informativa sulla Privacy