Oscar: “Dogman” di Matteo Garrone candidato per l’Italia. Giraldi (Cnvf), “regista visionario che sarà apprezzato Oltreoceano”

“Dogman” di Matteo Garrone è il film italiano scelto per rappresentare il nostro Paese nella lunga corsa verso gli Oscar, edizione 91 che si terrà a Los Angeles il prossimo 24 febbraio 2019. Se l’Italia sarà in pista per la statuetta si saprà ufficialmente solo il 22 gennaio, con le attese nomination, anche se esistono degli step intermedi da non sottovalutare. “Una scelta coraggiosa e di senso quella compiuta dalla commissione italiana – afferma al Sir Massimo Giraldi, presidente della Commissione nazionale valutazione film della Cei – perché Matteo Garrone è un autore solido, dallo stile visivo riconoscibile e visionario, facilmente apprezzato anche in altre industrie culturali. Il suo è un cinema che si immerge nella dimensione sociale, esplorandola in chiave problematica, con sguardo cupo e fantastico insieme”. L’opera di Garrone, tra i cui produttori c’è Rai Cinema, è stato scelta da una commissione di selezione istituita dall’Anica e composta da Nicola Borrelli, Marta Donzelli, Gian Luca Farinelli, Antonio Medici, Silvio Soldini, Maria Carolina Terzi, Maria Sole Tognazzi, Stefania Ulivi ed Enrico Vanzina. “Dogman” è stato presentato in anteprima mondiale al 71° Festival di Cannes lo scorso maggio, partecipando in concorso, dove ha ottenuto la Palma d’oro per la miglior interpretazione maschile per l’attore Marcello Fonte. Il film ha vinto poi otto Nastri d’argento, tra cui miglior film e regia.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa