Notizie Sir del giorno: Papa in Lettonia, Consiglio permanente Cei, Decreto Salvini, Guatemala, Aquarius, Parlamento Ue, parchi culturali ecclesiali

Papa in Lettonia: messa ad Aglona, “stare accanto” a deportati e scartati “non è turismo solidale”. “Toccare la carne degli altri”

“Stare accanto” alla Croce “non è fare una passeggiata o una breve visita, e nemmeno è un turismo solidale”. Lo ha detto il Papa, nell’omelia ella Messa celebrata nell’area del Santuario della Madre di Dio di Aglona, ultimo momento pubblico della seconda giornata del viaggio apostolico nei Paesi baltici, dedicata alla Lettonia. Quello di Maria, ha spiegato Francesco a proposito dello “Stabat mater”, “non è un modo leggero di stare, neppure evasivo e tanto meno pusillanime. È, con fermezza, “inchiodata” ai piedi della croce, esprimendo con la postura del suo corpo che niente e nessuno potrebbe spostarla da quel luogo. Maria si mostra in primo luogo così: accanto a coloro che soffrono, a coloro dai quali il mondo intero fugge, accanto anche a quelli che sono processati, condannati da tutti, deportati. Non soltanto vengono oppressi o sfruttati, ma si trovano direttamente ‘fuori dal sistema’, ai margini della società”. “Occorre che coloro che patiscono una realtà di dolore ci sentano al loro fianco e dalla loro parte, in modo fermo, stabile”, ha spiegato Francesco: “Tutti gli scartati della società possono fare esperienza di questa Madre delicatamente vicina, perché in chi soffre permangono le piaghe aperte del suo Figlio Gesù. Lei lo ha imparato ai piedi della croce”. “Anche noi siamo chiamati a toccare la sofferenza degli altri”, l’invito del Papa. (clicca qui)

Cei: card. Bassetti, “organizzare l’agenda” sulla “collegialità”

“La comunione episcopale, con Pietro e sotto Pietro, costituisce una delle più preziose eredità del Concilio Vaticano II”. A ribadirlo, citando il recente documento del Papa sul Sinodo dei vescovi, è stato il card. Gualtiero Bassetti, arcivescovo di Perugia-Città della Pieve e presidente della Cei, che ha introdotto questo pomeriggio i lavori del Consiglio permanente dei vescovi italiani, in corso a Roma fino al 26 settembre. All’orizzonte delineato da Francesco per il Sinodo, definito una manifestazione della “sollecitudine del Collegio episcopale per le necessità del popolo di Dio e la comunione fra tutte le Chiese” – ha garantito il cardinale – “si ispirano e contribuiscono anche i nostri organismi: Presidenza, Consiglio Permanente, Conferenze Episcopali Regionali, Assemblea Generale sono espressione di quella partecipazione da cui prende forma una Chiesa sinodale”. Di qui l’impegno di Bassetti ad “organizzare l’agenda con il criterio di chi intende intensificare la natura collegiale della responsabilità che mi avete affidato”. “Insieme vogliamo davvero diventare sempre più – secondo l’indicazione di Papa Francesco – un canale adeguato per l’evangelizzazione del mondo attuale”, ha affermato il presidente della Cei. (clicca qui)

Decreto Salvini: Conte (premier), “scambio di informazioni tra forze di polizia e autorità giudiziarie” per “contrasto terrorismo e mafia”

“Abbiamo unificato il decreto immigrazione e sicurezza in un’unica struttura normativa. L’obiettivo è quello di operare una riorganizzazione razionale dell’intero sistema di riconoscimento della protezione internazionale le forme di tutela complementare per adeguarle agli standard europei”. Lo ha detto il presidente del Consiglio dei ministri, Giuseppe Conte, oggi in conferenza stampa, a Palazzo Chigi. “In un quadro di garanzia per quel che riguarda la tutela dei diritti fondamentali delle persone e le convenzioni internazionali cui l’Italia aderisce e i principi che sono sia nella nostra Costituzione e nella Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea e nei trattati – ha aggiunto il premier -, noi andiamo a operare un sistema di riordino e di revisione per una più efficace disciplina”. Una parte “molto significativa” di questo decreto legge è quello che “direttamente contrasta il terrorismo e la criminalità organizzata di tipo mafioso”, perché “vi sono varie norme che contemperano lo scambio di informazioni tra forze di polizia e autorità giudiziarie per la prevenzione e il contrasto delle infiltrazioni criminose negli enti locali e norme per migliorare il funzionamento dell’agenzia per i beni confiscati”. Il vicepremier Salvini ha spiegato che per i richiedenti asilo “lo stop alla domanda si avrà in caso di pericolosità sociale o condanna in primo grado. Questa è stata una delle mediazioni aggiunte e suggerite”. Secondo il ministro, “in 42 articoli vengono fatti passi avanti in tema di sicurezza e di riconoscimento dei diritti dei profughi veri”. (clicca qui)

Guatemala: manifestazioni in tutto il Paese. Mons. Bianchetti (Quiché), “mafie e narcotraffico hanno invaso lo Stato”

È forte la tensione in Guatemala per le manifestazioni che si sono tenute nei giorni scorsi, a partire dal 20 settembre, in tutto il Paese, in seguito allo scontro istituzionale tra il presidente Jimmy Morales e la Corte Costituzionale. La materia del contendere è il futuro della Cigig, la Commissione internazionale contro l’impunità in Guatemala. Morales nelle scorse settimane ha deciso di non rinnovare il mandato alla Commissione e, soprattutto, ha impedito l’ingresso nel Paese del coordinatore della Cigig, il commissario colombiano Iván Velásquez, che già lo scorso anno voleva togliere l’impunità al presidente. Tra i partecipanti alle manifestazioni, nella sua diocesi del Quiché, anche il vescovo Rosolino Bianchetti Boffelli (originario della diocesi di Crema), che contattato dal Sir spiega: “Sì, anch’io sono stato alla manifestazione, così come varie realtà della Chiesa. Si è trattato di manifestazioni pacifiche, all’insegna della non violenza”. Il vescovo usa parole dure per descrivere la situazione dello Stato guatemalteco: “Le mafie e il narcotraffico hanno invaso lo Stato. La Commissione Cicig ha messo in carcere politici, militari, imprenditori, ora però dietro al‘presidente pagliaccio’ (Morales prima di fare politica era un comico, ndr) continuano a esserci quelli di prima, militari e imprenditori. Il conflitto tra il presidente e la Corte Costituzionale potrebbe sfociare in un ‘colpo di Stato tecnico’. Qui lo Stato è tutto da ricostruire”. (clicca qui)

Nave Aquarius: Sos Méditerranée, “trovare soluzione a revoca bandiera. Siamo l’ultima nave che fa salvataggi, non ci fermeremo”

“È la prima volta nella storia del mare che una bandiera viene ritirata su manifeste pressioni di un governo, è contro i principi fondamentali del diritto marittimo. Noi rispettiamo tutte le regole internazionali e non abbiamo mai fatto niente che non fosse autorizzato dalla legge. Non vogliamo e dobbiamo fermarci perché siamo l’ultima nave rimasta a fare salvataggi nel Mediterraneo centrale, la rotta più pericolosa al mondo. Chiediamo a Panama di tornare indietro sulla sua decisione e a qualunque governo a trovare una soluzione, nonostante la disinformazione in atto. Gli Stati hanno ora l’occasione di dimostrare che vogliono restare Stati di diritto”: lo ha affermato Francis Vallat, presidente di Sos Méditerranée France, durante la conferenza stampa convocata oggi a Parigi in seguito alla comunicazione ricevuta da parte dell’Autorità marittima di Panama “di essere stata costretta a revocare l’iscrizione dell’Aquarius dal proprio registro navale sotto l’evidente pressione economica e politica delle autorità italiane”, quindi non poter più navigare battendo bandiera panamense. A bordo della nave Aquarius ci sono attualmente 58 persone, tra cui 17 donne (una incinta) e 18 minori, da Libia, Pakistan, Siria, Palestina, Costa d’Avorio, Sudan e Algeria, salvati da due diverse imbarcazioni a rischio nei giorni scorsi. (clicca qui)

Parlamento Ue: deputati a confronto con Draghi (Bce) sulle prospettive economiche. In agenda anche il bilancio comunitario

(Bruxelles) La settimana dell’Europarlamento a Bruxelles si è aperta con una discussione, oggi pomeriggio, con il presidente della Banca centrale europea Mario Draghi, dinanzi alla commissione per i problemi economici e monetari sulle prospettive economiche e monetarie dell’area euro e, in particolare, dei piani della Bce per porre fine al quantitative easing. La commissione bilanci adotterà, fra domani e mercoledì, le sue proposte per il bilancio dell’Ue per il prossimo anno. I deputati “sono invitati – spiega una nota – a privilegiare i programmi di potenziamento che sostengono gli scambi di studenti come Erasmus+, le piccole e medie imprese, la ricerca, le reti transeuropee, i posti di lavoro, l’innovazione sociale e l’occupazione giovanile, nonché i fondi legati al clima”. Possono inoltre “aggiungere finanziamenti per ulteriori misure nel settore della sicurezza, delle migrazioni e dell’aiuto ai profughi, sia all’interno che all’esterno dell’Ue”. (clicca qui)

Parchi culturali ecclesiali: nasce il progetto “Bellezza e speranza per tutti”

Creare parchi e reti culturali ecclesiali. È l’obiettivo del progetto “Bellezza e speranza per tutti” dell’Ufficio nazionale per la Pastorale del Tempo libero, turismo e sport della Cei. L’invito è rivolto a ciascun vescovo affinché “autonomamente o in collaborazione con altri vescovi delle diocesi limitrofe, dopo aver attentamente valutato l’esistenza di iniziative analoghe, può essere promotore di un parco o rete culturale ecclesiale”. Uno strumento, secondo l’Ufficio Cei, attraverso il quale “agire per valorizzare i talenti, le identità e le esperienze locali, all’interno di una rete nazionale che fa leva sul valore della cultura, della creatività, dell’innovazione, della mobilità lenta e del turismo sostenibile”. Diversi gli obiettivi condivisi, tra cui, la valorizzazione dei beni culturali, ecclesiali e altri ricevuti in affidamento; promuovere buone pratiche di custodia del creato; favorire una relazione positiva tra comunità locali e qualsiasi forma di migrante, sia pellegrino, viaggiatore o turista; generare i presupposti per la nascita e lo sviluppo di startup innovative. (clicca qui)

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo