Cei: card. Bassetti, “organizzare l’agenda” sulla “collegialità”

(Foto Siciliani-Gennari/SIR)

“La comunione episcopale, con Pietro e sotto Pietro, costituisce una delle più preziose eredità del Concilio Vaticano II”. A ribadirlo, citando il recente documento del Papa sul Sinodo dei vescovi, è stato il card. Gualtiero Bassetti, arcivescovo di Perugia-Città della Pieve e presidente della Cei, che ha introdotto questo pomeriggio i lavori del Consiglio permanente dei vescovi italiani, in corso a Roma fino al 26 settembre. All’orizzonte delineato da Francesco per il Sinodo, definito una manifestazione della “sollecitudine del Collegio episcopale per le necessità del popolo di Dio e la comunione fra tutte le Chiese” – ha garantito il cardinale – “si ispirano e contribuiscono anche i nostri organismi: Presidenza, Consiglio Permanente, Conferenze Episcopali Regionali, Assemblea Generale sono espressione di quella partecipazione da cui prende forma una Chiesa sinodale”. Di qui l’impegno di Bassetti ad “organizzare l’agenda con il criterio di chi intende intensificare la natura collegiale della responsabilità che mi avete affidato”. “Insieme vogliamo davvero diventare sempre più – secondo l’indicazione di Papa Francesco – un canale adeguato per l’evangelizzazione del mondo attuale”, ha affermato il presidente della Cei.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo