Sinodo giovani: card. Baldisseri (segretario generale), “abbiamo una necessità epocale di adulti di qualità”

“I giovani ci aspettano, ci vogliono più vicini”. Lo ha detto il card. Lorenzo Baldisseri, segretario generale del Sinodo dei Vescovi, intervenendo a una conferenza sul Sinodo dedicato ai giovani, oggi, all’Università Pontificia Salesiana. La riflessione sinodale, secondo il porporato, “aiuta a porre la questione della scelta personale e dei cammini educativi dentro l’orizzonte vocazionale dell’esistenza umana in quanto tale: non si può pensare alle scelte di vita, dal punto di vista cristiano, se non all’interno di questa visione vocazionale ampia e diffusa”. Il cardinale ha proposto all’assemblea due prospettive educative: “accompagnamento” e “discernimento”, consigliando di coglierne la relazione intrinseca in quanto “si accompagnano i giovani non per perdere tempo con loro, ma per portarli a maturazione, per aiutarli a diventare adulti”.

“Abbiamo una necessità epocale di adulti di qualità – sostiene il card. Baldisseri – che sembra essere una merce rara di questi tempi”. È in quest’ottica che “l’accompagnamento assume naturalmente i tratti del discernimento vocazionale”. Per il cardinale l’ascolto dei giovani “ci ha restituito una Chiesa in debito d’ossigeno: non siamo, in linea di massima, ben attrezzati di adulti competenti e maturi in grado di accompagnare i giovani. Si tratta di un dato che ci deve mettere in movimento per creare le condizioni per un rinnovamento ecclesiale”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa