Diocesi: mons. Tisi (Trento), “la nostra Chiesa ascolti il grido dei poveri, non stia in organizzazioni pastorali”

“Assemblee territoriali per vedere la Chiesa che vive nei territori sapendo che è li che viene elaborato il futuro della diocesi, al quale le strutture diocesane devono offrire solo un accompagnamento. La pastorale deve nascere nei territori dove viene scritta dallo Spirito Santo, dalla concretezza delle persone e dalla realtà viva della gente che vi abita”. Lo dice l’arcivescovo di Trento, mons. Lauro Tisi, che domani a Dro guiderà la prima delle otto assemblee nelle zone pastorali della diocesi. Il presule incontrerà i fedeli di Riva del Garda e Ledro, che comprende anche Arco e la Valle dei Laghi. L’appuntamento è per le 9 nel teatro parrocchiale droato. La comunità sognata dall’arcivescovo è una di quelle che “non che si raduna attorno al campanile ma fatta di uomini e donne che vivono fra di loro la fraternità”. “Il futuro della nostra Chiesa non sta nel mantenere lo status quo ma nell’offrire spazi di vita fraterna e autentica, ascoltando il grido della gente e dei poveri, non in strutture e organizzazioni pastorali”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo

Informativa sulla Privacy