Diocesi: Frascati, domani sera cattedrale aperta e missione di strada con il vescovo

“Gesù ama” è il tema del prossimo appuntamento, domani, con i “Sabati adoranti ed evangelizzanti” promossi dalla diocesi di Frascati. Si tratta di un’esperienza che va avanti ormai da tre anni e che si ripete ogni sabato sera, dalla Domenica delle Palme a giugno e poi da settembre a ottobre. Dalle 20 alle 24, la cattedrale di San Pietro resta aperta e viene esposto il SS. Sacramento. Spazi di silenzio si alternano a canti e preghiere guidate e c’è la possibilità di confessarsi o dialogare con un sacerdote. Anche il vescovo mons. Raffaello Martinelli ogni sabato ascolta le confessioni dei ragazzi, dalle 22 alle 24. Contemporaneamente fuori dalla cattedrale, a turno, associazioni, movimenti, istituti religiosi e parrocchie animano momenti di evangelizzazione di strada tra i giovani che popolano il centro di Frascati di sabato sera. “Le risposte dei giovani sono differenti: c’è chi semplicemente viene perché è curioso. Altri riescono a cogliere la possibilità di entrare in chiesa in un modo non comune, quando non ci pensano” spiega al Sir mons. Raffaello Torelli, parroco della cattedrale di Frascati. E precisa che anche la scelta del luogo e del momento non sono casuali: “Di sabato sera a Frascati ci sono molti giovani, che arrivano da tutti i paesi vicini dei Castelli Romani. Questa iniziativa è un tentativo di ‘aprire le porte’, soprattutto alla gioventù ‘fuori’ dalla realtà ecclesiale, attraverso un approccio diretto con la singola persona, coinvolgente e strutturato”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo

Informativa sulla Privacy