Giornata per la ricerca: Università Cattolica, un nuovo kit per la diagnosi rapida di infezioni respiratorie

“Un nuovo kit di diagnosi rapida delle infezioni respiratorie che permette di ottenere in poche ore l’identificazione del batterio o virus responsabile della polmonite, garantendo così la possibilità di utilizzare sin dalle prime fasi i farmaci antimicrobici più adeguati per il tipo di infezione”. È uno degli studi presentati, oggi, in occasione della Giornata per la ricerca promossa dalla facoltà di Medicina e chirurgia dell’Università Cattolica e dalla Fondazione Policlinico universitario Agostino Gemelli Irccs che lo scorso marzo ha ottenuto da parte del ministero della Salute il riconoscimento come Istituto di ricovero e cura a carattere scientifico. Un ulteriore progetto ha dimostrato che la combinazione di due biomarcatari, facilmente analizzabili con un prelievo di sangue, permette di discriminare in modo rapido e accurato la presenza di specie batteriche e fungine nel sangue di pazienti colpiti da infezioni gravi. Inoltre, la collaborazione tra l’Istituto di Anestesia e rianimazione e quello di Biochimica ha recentemente evidenziato come “i valori ematici della vitamina D e di altre molecole derivanti dalle centraline elettriche delle cellule, i mitocondri, possono predire con significativa accuratezza il rischio di mortalità dei pazienti ricoverati in rianimazione con una sepsi”. Sempre nel campo della terapia della sepsi, l’Istituto di malattie infettive ha guidato uno studio dove si mette in evidenza l’efficacia di una molecola antibiotica di recente scoperta (ceftazidime-avibactam) per il trattamento delle infezioni causate da uno dei germi multi-resistenti agli antibiotici di maggiore gravità e impatto clinico.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Europa

Informativa sulla Privacy