Rapimento missionario in Niger: Farnesina, Unità di crisi al lavoro. Famiglia di padre Maccalli “costantemente informata”

“Il ministro degli Affari esteri, Enzo Moavero Milanesi, è in costante rapporto con l’Unità di crisi della Farnesina che, con gli altri organi dello Stato, segue sin dall’inizio il caso del rapimento da parte di un gruppo armato, la scorsa notte a Bomoanga in Niger, di padre Pierluigi Maccalli, membro della Congregazione della Società delle Missioni Africane della diocesi di Crema”. È quanto si legge in una nota diffusa dal ministero degli Affari esteri. “L’Unità di crisi – prosegue la nota – sta tenendo costantemente informata la famiglia del nostro sacerdote, mantenendo uno stretto contatto”. Inoltre, “l’Ambasciata d’Italia a Niamey ha formalmente chiesto alle Autorità locali di dare assoluta priorità alla rapida soluzione della vicenda e in ogni caso di evitare iniziative che possano mettere a rischio l’incolumità di padre Maccalli”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa