Parlamento Ue: Strasburgo, oggi in emiciclo Discorso sullo stato dell’Unione e riforma del diritto d’autore

(Strasburgo) Il Discorso sullo stato dell’Unione e la riforma del diritto d’autore sono il fulcro della seduta odierna dell’Europarlamento a Strasburgo. Alle 9 hanno preso avvio i lavori con il quarto discorso rivolto dal presidente della Commissione Jean-Claude Juncker dinanzi all’Assemblea per riepilogare i risultati raggiunti e delineare sfide e progetti da qui alle elezioni del maggio 2019. Juncker illustra “l’impatto delle misure intraprese dalla Commissione in dieci settori prioritari”, tra cui lavoro, sicurezza, migranti, economia digitale, e “indica gli obiettivi che intende raggiungere prima delle elezioni europee del maggio 2019”, secondo una nota. I leader dei gruppi politici a Strasburgo valuteranno il lavoro della Commissione e definiranno i loro obiettivi da qui alla fine della legislatura. Ma l’attenzione si concentrerà anche sulla riforma del diritto d’autore: ieri il presidente dell’Assemblea, Antonio Tajani, ha sostenuto la riforma e ha accusato le grandi società internazionali di fare pressioni indebite per orientare il voto dei deputati. “È una buona riforma, che tutela i cittadini dalle fake news”, ha detto. In seguito alla decisione del Parlamento, presa a luglio, di ridiscutere la proposta della commissione giuridica sulla riforma delle norme europee relative al copyright, ieri si è svolto un dibattito in aula e oggi il procedimento giunge al voto dell’aula. Il testo che ne risulterà costituirà il mandato con cui il Parlamento negozierà con i ministri Ue la forma finale della riforma. Il Consiglio ha adottato la sua posizione nel maggio 2018.
Ieri, inoltre, il Parlamento ha dato il via libera al nuovo Corpo europeo di solidarietà che “offrirà opportunità di volontariato ai giovani di tutta l’Ue”.
Una volta che il Consiglio avrà adottato formalmente il testo, le organizzazioni di volontariato e i giovani europei potranno iniziare a presentare domanda per partecipare ai progetti nell’ambito del nuovo programma, apertoa partecipanti fino a 30 anni.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa