Turismo: card. Turkson, “con le strumentazioni digitali incrementare servizi, no all’uso scorretto di dati e algoritmi’”

“Il turismo è un efficace veicolo di valori e ideali quando offre opportunità ed occasioni per far crescere la persona umana, sia nella sua dimensione trascendente, aperta all’incontro con Dio, sia nella sua dimensione terrena, in particolare nell’incontro con le altre persone e nel contatto con la natura”. Lo scrive il card. Peter Turkson, prefetto del dicastero per il Servizio dello sviluppo umano integrale, nel messaggio per la Giornata mondiale del Turismo che sarà celebrata, il 27 settembre, quest’anno, sul tema: “Il turismo e la trasformazione digitale”. “L’uso delle strumentazioni digitali nell’ambito degli operatori e degli utenti del settore turistico – sottolinea il porporato – è una grande opportunità che permette di incrementare servizi più soddisfacenti alle nuove richieste, ma anche di educare alla corresponsabilità della ‘casa comune’ nella quale viviamo, generando forme di innovazione per il recupero funzionale degli scarti, il riciclo e il riutilizzo creativo che aiutano a proteggere l’ambiente”. Ma il cardinale mette in guardia dall’uso scorretto dei “dati”, soprattutto quelli personali, che “si generano all’interno del ‘mondo digitale’” e dal “ruolo preponderante degli algoritmi che elaborano i dati stessi e producono, a loro volta, ulteriori dati e informazioni, a diversi livelli, disponibili anche per chi intenda servirsene meramente ad uso commerciale, propagandistico o addirittura con finalità e strategie manipolatorie”. Quindi, il cardinale sottolinea che “gli algoritmi non sono semplici numeri e sequenze neutre di operazioni, ma piuttosto elaborazioni di intenti che perseguono finalità precise e possono essere utilizzati per condizionare scelte e decisioni personali, e influenzare la formazione del pensiero e della coscienza individuale”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa

Informativa sulla Privacy