Incontro mondiale famiglie: card. Bassetti, “senza famiglia non ci potrà mai essere né Chiesa né società”. Appuntamento 2021 a Roma, “sfida per la Chiesa italiana”

foto SIR/Marco Calvarese

La famiglia “è costitutiva dell’umanità, della società e della Chiesa. Senza famiglia non ci potrà mai essere né Chiesa e né società”. Lo ribadisce il presidente della Conferenza episcopale italiana, il card. Gualtiero Bassetti, in un’intervista a Vatican News sull’eredità dell’Incontro mondiale delle famiglie di Dublino. “È stato certamente un momento importantissimo”, rileva Bassetti, sottolineando che “sono venute fuori domande profondissime: domande di senso, come si fa a riconciliarci in famiglia, sull’educazione dei figli”. “Tutti i vari argomenti delle famiglie, della famiglia – prosegue – sono venuti fuori e il Papa ha risposto con una immediatezza che veramente ci ha colpito. Era anche molto brillante, molto vivo!”. Il presidente della Cei ricorda poi che il Papa “ha parlato tantissimo della riconciliazione, del perdono con dei consigli anche pratici, concreti” che, secondo Bassetti, “possono essere benissimo applicati alla pastorale”.
Sul tema degli abusi, il porporato evidenzia come “proprio all’inizio della messa il Santo Padre – e quello era scritto di suo pugno – ha fatto un esame di coscienza in cinque o sei punti che era molto più di un esame di coscienza: era un messaggio molto preciso proprio su queste terribili mancanze che ci sono state”. Sul “discorso della pedofilia”, aggiunge il cardinale, “non ha esitato a chiamare i problemi per nome! Ha usato anche espressioni molto forti”. E, riprendendo le parole del Papa – “Basta! Questo non è il volto della Chiesa! Queste cose non si devono ripetere più” -, Bassetti afferma che “la famiglia è, secondo me, il grande deterrente in questo senso, perché se la famiglia è quello che deve essere diventa il fondamento di tutta la società”.
Infine, sull’annuncio che il prossimo Incontro mondiale delle famiglie sarà a Roma nel 2021, il presidente della Cei parla di “una sfida per la Chiesa italiana” oltreché di “una bellissima intuizione”: “Credo che il Sinodo dei vescovi sui giovani, la fede e la vocazione, continuando il discorso sulla famiglia che è stato fatto due anni fa, sia anche il migliore propedeutico in vista dell’incontro di Roma”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori

Informativa sulla Privacy