Germania: mons. Ackermann (Treviri), “l’abuso sessuale dei sacerdoti è sempre un abuso di potere e coscienza”

Il commissario della Conferenza episcopale tedesca (Dbk) per le questioni relative agli abusi sessuali nella Chiesa e per la protezione dei bambini e dei giovani, il vescovo di Treviri mons. Stephan Ackermann, ha pubblicato oggi una nota a margine della lettera di Papa Francesco sugli abusi sessuali: “Ancora una volta – scrive Ackermann – Papa Francesco esprime la sua vergogna e il suo dolore per questi crimini. Con la sua lettera, il Papa certamente ha inviato un chiaro segnale prima di partire per il l’incontro mondiale delle famiglie, a Dublino il prossimo sabato”. Prendendo spunto dal rapporto sugli abusi sessuali in sei diocesi della Pennsylvania, il vescovo sottolinea che “il Papa chiarisce nella sua lettera che è al fianco delle vittime e delle loro famiglie, e che è pienamente impegnato nel suo ufficio, affinché tali situazioni non solo non si ripetano, ma non trovino spazio per essere coperte e perpetuarsi”. Ackermann evidenzia che “il Papa non ha mai espresso così chiaramente nelle numerose dichiarazioni che ha fatto nel suo mandato di cinque anni su questo argomento, che l’abuso sessuale da parte dei sacerdoti è sempre un abuso di potere e di coscienza”. Il Papa, ricorda Ackermann, “diverse volte nella lettera menziona queste tre forme di abuso nello stesso passaggio. Per lui è chiaro che non si può rendere giustizia alla piena dimensione degli abusi sessuali nella Chiesa e non si può combattere, se li si vede solo come un fenomeno isolato di singoli autori”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa

Informativa sulla Privacy