Vacanze: Coldiretti/Ixé, 3 italiani su 4 in malghe, frantoi, cantine. Prodotti tipici acquistati come souvenir

Quasi tre italiani su quattro (71%) in vacanza al mare, in montagna o nel verde durante l’estate 2018 hanno scelto di visitare frantoi, malghe, cantine, aziende, agriturismi o mercati degli agricoltori per acquistare prodotti locali a chilometri zero direttamente dai produttori e ottimizzare il rapporto prezzo/qualità. E’ quanto emerge da una analisi Coldiretti/Ixè dalla quale si evidenzia che l’Italia ha conquistato la leadership mondiale nel turismo enogastronomico grazie a 5.056 specialità tradizionali regionali, 294 specialità Dop/Igp riconosciute a livello comunitario, ma anche il primato green con quasi 60mila aziende agricole biologiche in Europa, 23mila agriturismi, circa 10mila mercati e fattorie dove acquistare a chilometro zero direttamente dagli agricoltori di Campagna Amica. L’acquisto di un alimento direttamente dal produttore – sottolinea Coldiretti – è spesso accompagnato anche dalla possibilità di assaggi e degustazioni “guidate”. Il 42% degli italiani in ferie tornano a casa con vino, formaggio, olio di oliva, salumi o conserve come ricordi che si classificano come i preferiti nell’estate 2018. “Specialità nostrane che – precisa la Coldiretti – possono essere acquistate nella grande varietà dei percorsi turistici legati all’enogastronomia presenti nelle città, ma anche nei centri minori delle campagne che si stanno rivitalizzando grazie a queste nuove opportunità. L’acquisto di prodotti tipici come ricordo delle vacanze è una tendenza in rapido “.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa