Papa Francesco: la Fondazione “Scholas Occurrentes” promuove scuole di calcio e surf in Mozambico

Papa Francesco benedice il pallone educativo realizzato dai bambini del Mozambico.

È nota la preoccupazione di Papa Francesco in fatto di istruzione: la fondazione Scholas Occurrentes è un progetto a cui ha dato vita e che oggi è diventato uno strumento per promuovere e incontrare la cultura in tutto il mondo. Dal febbraio 2015 i volontari della Fondazione lavorano a Mangundze, in Mozambico, per portare avanti un programma di integrazione attraverso la tecnologia, implementando programmi di azione sociale e educativa. Negli ultimi mesi è stato lanciato anche il progetto dell’associazione, denominato “Scholas. Cittadinanza”, che si è svolto la scorsa estate a Missao Mangunze coinvolgendo circa 200 studenti di sei scuole della zona che hanno lavorato sui temi della precarietà educativa, il consumo di droghe e gli abusi sessuali. Lo scorso marzo, sono state programmate nella missione di Mangundze, provincia di Gaza, insieme all’associazione Nyikani Mavoko, la parrocchia di San Benedetto e il missionario Juan Gabriel Arias, e nella missione di Muvambam dei padri Redentori, due edizioni di “FutVal”. Il programma è volto ad armonizzare il patto educativo attraverso l’insegnamento del gioco del calcio nei giovani tra i 6 e i 16 anni. “FutVal” cerca “di armonizzare lo sviluppo di quei ragazzi che vivono in contesti di vulnerabilità e li incoraggia a inserirsi nelle realtà delle loro comunità”, spiega la Fondazione. A maggio di questo anno è stata anche inaugurata in Mozambico la Scuola di surf “José Sulaiman” in videoconferenza con Papa Francesco. Questo nuovo progetto è a Todo, una comunità costiera del sud est, paradiso degli amanti del surf e dell’immersione. José Maria del Corral, direttore generale di Scholas Occurrentes, andrà in Mozambico la prossima settimana.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa

Informativa sulla Privacy