Incontro mondiale famiglie: Bocelli (tenore), “una gioia cantare a Dublino per il Papa”

“Ritengo che sia innanzitutto un onore essere stati coinvolti in questa nobilissima iniziativa”, ma anche “un privilegio”, perché “cantare davanti al Santo Padre è una cosa che fa piacere”. Lo ha detto a Vatican News il tenore Andrea Bocelli, che il 25 agosto canterà nel Croke Park Stadium di Dublino, in occasione dell’incontro mondiale delle famiglie di Dublino per Papa Francesco. Un’opportunità, a suo avviso, per “dare dei messaggi; bisogna che questi messaggi siano quelli giusti”. “Quindi – ha aggiunto Bocelli – cercherò di farmi trovare pronto, preparato come sempre, darò il meglio di me e poi speriamo che vada tutto bene, che le famiglie portino a casa un bel ricordo da questo momento musicale”. Parlando di ciò che spera di ricevere da quest’evento, il tenore ha affermato che “se l’artista riesce a dare il meglio di sé, il pubblico generalmente gli corrisponde quella sorta di affetto, di gratitudine che è estremamente appagante. Mi auguro di ricevere questo”. Nell’impegno chiesto dal Papa alle famiglie di essere “gioia per il mondo”, Bocelli, infine, sostiene che anche la musica possa aiutare in questa sfida. “Tutto ciò che si fa a fin di bene può aiutare e di fatto aiuta; quindi anche l’opera di chi, come me, canta”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa