Corruzione: Rieti, il 9 agosto la presentazione di “Pane sporco” di Alberti nel monastero delle Clarisse di Fara in Sabina

Sarà presentato, giovedì 9 agosto, alle 21.30, nel monastero delle Clarisse eremite di Fara in Sabina, il libro “Pane sporco – combattere la corruzione e la mafia con la cultura” di Vittorio Alberti, edito da Rizzoli, con la prefazione di Giuseppe Pignatone e le conclusioni di don Luigi Ciotti. L’iniziativa avviene nell’ambito del Triduo in onore di santa Chiara d’Assisi (8-11 agosto). L’autore, filosofo e storico, sta portando in tutta Italia la sua denuncia, organizzando iniziative educative nei piccoli e grandi centri alle quali partecipano magistrati, insegnanti, prefetti, vescovi, suore e sacerdoti di zone di frontiera, ma anche giornalisti, studenti, sindacalisti, imprenditori, professionisti e professori, in università, accademie, festival, piazze, scuole e carceri. “Il testo presenta una lettura filosofica della corruzione: non più solo reato, ma degrado culturale – si legge in una nota che annuncia l’appuntamento –. Partendo da questa comprensione, si può ripartire in particolare valorizzando il patrimonio di bellezza, cultura e spiritualità proprio dell’Italia”. Modererà l’incontro con l’autore la sociologa e scrittrice Antonella Pagano. Interverrà la giornalista di Raitre Eva Giovannini. L’ingresso è libero e aperto al pubblico.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa