Finanza e sviluppo: mons. Ugorji (Nigeria), una fattoria integrata per alleviare povertà e migliorare salute popolazione

“Nel giugno 2016 l’allora Pontificio Consiglio Giustizia e Pace e Catholic Relief Services hanno organizzato un workshop al quale ho partecipato. Mi ha offerto l’opportunità di imparare molto in materia di impresa sociale e impact investing”. Inizia così la sua testimonianza alla terza Conferenza vaticana su “Impact Investing: Scaling Investment in Service of Integral Human Development” mons. Lucius Ugorji, vescovo di Umuahia (Nigeria) e presidente della Commissione Giustizia, pace e sviluppo (Regional Episcopal Conference of West Africa). Il presule riferisce di avere inviato, dopo la conferenza, un prete della sua diocesi al Miller Centre for Social Entrepreneurship Sancta Clara University, nella Silicon Valley perché, sostiene, “i sacerdoti devono cambiare mentalità, acquisire elementi di economia e finanza, di gestione di capitali e di impresa”. Dopo un paio di workshop organizzati nella sua diocesi, il secondo dedicato alla formazione dei giovani all’imprenditoria sociale, il presule ha dato vita ad una Integrated Farm and Food Processing Factory a Iheciowa. Si tratta di una fattoria che non solo produce prodotti agricoli ma li lavora preparando alimenti e curandone il packaging per fornire un prodotto finito. “Avevamo due target – spiega il vescovo -: alleviare la povertà e migliorare la salute della nostra popolazione, anche fornendole integratori per contrastare le carenze di vitamine e sali minerali”. La Conferenza è promossa fino a domani da Catholic Relief Services e dal Dicastero per il Servizio dello Sviluppo Umano Integrale.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo