Etiopia-Eritrea: don Zerai su visita ad Asmara del primo ministro etiope, “grande gioia ma i passi da fare sono molti”

“Le immagini della folla festante per le strade di Asmara sono il segno più evidente della sete di pace del popolo eritreo, del desiderio della gente di mettere fine a questa situazione di tensione, un clima fatto di non guerra e non pace, che ha diviso due popoli tra loro vicini e fratelli”. A commentare al Sir la visita di ieri del primo ministro etiope, Abiy Ahmed, ad Asmara, capitale dell’Eritrea, con lo storico abbraccio con il presidente Isaias Afwerki, prima riunione tra leader dei due Paesi in 20 anni, è don Mussie Zerai, sacerdote eritreo fondatore e presidente dell’ong Habeshia. La visita segue di alcuni giorni un’analoga missione di una delegazione eritrea ad Addis Abeba, capitale dell’Etiopia. “La visita del primo ministro etiope – dice Zerai – è sicuramente un fatto positivo, ma il lavoro da fare è lungo perché ci sono molte ferite e sofferenze da curare. La gioia vista ieri mi ricorda quella per l’indipendenza, ma la storia ci ha insegnato ad essere prudenti, a verificare i fatti compiuti e a non avere fretta”. Proprio la guerra scoppiata al confine tra i due Paesi, tra il 1998 e il 2000, era stata all’origine di un irrigidimento dello stesso governo di Asmara. “A causa di questa situazione di non guerra e non pace – continua il sacerdote, lui stesso fuggito dal Paese e accolto come rifugiato in Italia – si è instaurata in Eritrea una dittatura con posizioni rigide, liberà fondamentali sospese. La speranza è che questa nuova stagione inneschi un cambiamento politico interno che restituisca libertà, diritti, e dignità al popolo eritreo. Ma per questo servirà un lungo lavoro di riconciliazione”. Il pensiero di don Zerai, da anni impegnato nell’accoglienza dei suoi connazionali arrivati in Europa, va anche a quanti sono fuggiti dall’Eritrea negli ultimi anni. “In tanti – conclude Zerai – sperano che, dopo la pace, ci sia un’amnistia, anche per chi è considerato disertore a causa della fuga dal Paese per motivi politici, etnici e religiosi. Serve una riconciliazione nazionale che possa permettere a tutti di tornare, visitare la propria famiglia e contribuire alla crescita del Paese. È questa la speranza e la preghiera di molti eritrei in diaspora”. (www.dire.it)

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo