Vertice Nato: Stoltenberg, “forte leadership di Trump, gli alleati hanno concordato di raddoppiare i loro sforzi”

“Un ottimo summit” è secondo il segretario generale della Nato, Jens Stoltenberg, quello che si è concluso oggi a Bruxelles. “Tutti gli alleati hanno sentito il messaggio forte e chiaro del presidente Trump. Capiamo che questo presidente americano fa molto sul serio sulle spese per la difesa e questo ha esiti molto netti”, ha detto Stoltenberg alla conferenza stampa conclusiva. “C’è un nuovo senso di urgenza legato alla forte leadership di Trump”, ha insistito, per cui “tutti gli alleati hanno concordato di raddoppiare i loro sforzi” e ciò renderà “la Nato più forte”. “Più forti insieme che divisi”, come quando la Nato è andata in Afghanistan con l’America, ha ricordato il segretario Nato e come lo è l’Europa con la presenza Usa, “vitale” per “evitare che turbolenze” dal Medio Oriente “arrivino sulle nostre coste”. E forti insieme, “nell’affrontare una Russia più assertiva”. Oltre a quanto già reso noto ieri, oggi i capi di Stato e di governo hanno deciso di mantenere la presenza delle truppe in Afghanistan “fino a quando la situazione indicherà appropriato un cambiamento” e continuare a sostenere le forze di sicurezza afgane e la proposta di pace del presidente Ghani. Quanto ai rapporti con la Russia resta il “duplice approccio, difesa e dialogo”, aspirando a una “relazione costruttiva” quando le azioni della Russia lo renderanno possibile. Al termine dei lavori la “cerimonia per l’avvio dei negoziati” con il governo di Skopje per l’ingresso nella Nato.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Europa